[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Sostegno alle foreste e ai boschi, dalla Regione oltre un milione di euro

Sostegno alle foreste e ai boschi dell'Emilia-Romagna, al via le misure del Programma regionale di Sviluppo rurale: 17,5 milioni di euro per interventi di valorizzazione e conservazione. A Piacenza oltre 1 milione di euro. L'assessore Zanichelli: "Con queste risorse la Regione contribuisce alla difesa attiva del suolo e delle acque, e contrasta i cambiamenti climatici".

Bologna – Per ridurre il rischio di incendio nei boschi e per sostenere gli investimenti nelle aree forestali, la Regione Emilia-Romagna finanzia 117 progetti per un importo complessivo di 17,5 milioni di euro attraverso le misure previste dal Programma regionale di Sviluppo rurale 2007-2013. Alla Provincia di Piacenza vanno risorse pari a 1 milione e 130.233 euro.
“La forestazione è una risorsa importante per la nostra Regione – spiega l’assessore regionale all’Ambiente Lino Zanichelli - sia perché favorisce imprese ed attività produttive che operano in prevalenza in aree svantaggiate, sia perché contribuisce alla difesa attiva del suolo, delle risorse idriche e al contrasto ai cambiamenti climatici. Queste risorse, destinate in gran parte alla montagna e alla tutela della biodiversità, andranno a vantaggio di tutta la comunità regionale, dal momento che aumenteranno il valore, l’attrattiva e la sicurezza del territorio dell’Emilia-Romagna”.
Le Province, le Comunità montane e gli Enti Parco beneficeranno di due provvedimenti, la misura 226 e 227, finanziata sull’asse 2 del Programma, con risorse pari a 9,3 milioni di euro. Per ridurre il rischio di incendio, sono previsti interventi di diradamento nei boschi di conifere, di conversione da bosco ceduo ad alberi ad alto fusto con funzione di barriera antincendio, di  riduzione della necromassa, cioè di alberi secchi e quindi a maggior rischio di combustione, in prossimità delle aree ad elevata fruizione turistica ed altre aree sensibili.
Le altre misure previste riguardano gli interventi nelle aree destinate alla fruizione turistica, come la costruzione di aree da pic-nic, strutture per la cottura dei cibi, aree di sosta, la manutenzione di sentieri, rifugi e bivacchi, ma anche la sistemazione di opere di regimazione idraulica e opere di sostegno (briglie, traverse, soglie, muri, muretti, gradoni, ecc..) o, ancora, di interventi conservativi di ruderi in pietra naturale situati in ambito forestale e con un valore storico (ex ricoveri per animali, muri perimetrali, ex edifici rurali, ecc..).
I lavori potranno essere avviati già a partire dai prossimi mesi, e dovranno essere terminati entro il 2011. Le province maggiormente interessate dagli interventi sono quelle di Parma, Modena e Forlì-Cesena (v. tabella allegata).
Il 78% dei progetti finanziati ricade in territori collinari o montani mentre più dell’80% rientra nei siti della Rete natura 2000 (Sic-Zps). Le domande riguardanti le aree SIC (Sito di Interesse Comunitario) e ZPS (Zone di Protezione Speciale) hanno avuto priorità, a dimostrazione dell’importanza che la Regione riconosce a questi ambienti, la cui manutenzione è strategica per la conservazione e la valorizzazione della biodiversità.
Rilevante anche la quota di progetti finanziati nei Parchi regionali e nazionali, che ammonta a circa 2 milioni di euro (22%).
La Giunta regionale ha anche approvato nelle settimane scorse il programma operativo della misura 122, che riguarda gli investimenti forestali produttivi e che prevede la concessione di contributi alle aziende agroforestali per la realizzazione di interventi di valorizzazione delle risorse forestali private. Il provvedimento riguarda interventi selvicolturali di conversione di boschi cedui ad alto fusto, di conservazione, miglioramento e recupero dei castagneti da frutto, l’acquisto di macchine ed attrezzature forestali e la realizzazione di investimenti aziendali. 
L’attuazione del programma, a differenza di quelli sulle Misure 226 e 227 che sono di diretta gestione da parte delle strutture Regionali, avverrà attraverso appositi bandi che saranno emanati dalle province entro il 29 aprile 2009.
Entro il 30 giugno 2009 le aziende interessate potranno presentare alle Province la richiesta per accedere ai relativi contributi .
Gli investimenti complessivi attivati dalla misura 122 ammontano a 8,4 milioni di euro e il cofinanziamento previsto a carico dei richiedenti va dal 40% dei costi sostenuti per le aree preferenziali (aree montane o svantaggiate, Sic-Zps e i territori della direttiva nitrati di cui alla Direttiva200/60/CEE) al 50% negli altri territori.

 

 
Voci correlate:
  • foreste
  • Regione
  • Commenti:



    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it