[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Reggi sulla ronda: "Speriamo sia l'ultima". Foti: "Aspettare il decreto"

Anche il sindaco Roberto Reggi è intervenuto per commentare la prima "ronda" padana e le altre contestazioni seguite. "Si è verificato quello che temevamo - ha detto - e cioè i manifestanti che alla fine hanno distolto dalle loro attività le forze dell'ordine. Speriamo che non si facciano più perchè sono inutili, dannose e anche costose per la collettività, visto che impegnano la polizia per azioni che si potrebbero evitare".

Tommaso Foti (Pdl): "Ronde, meglio aspettare il decreto". "Le ronde, in quanto manifestazioni politiche, sono più che legittime, se ne vengono organizzate una o due all'anno". Questo il commento del deputato piacentino del Pdl Tommaso Foti. "Non bisogna infatti dimenticare che l'iniziativa promossa ieri sera dalla Lega ha visto impegnati 20 poliziotti come servizio d'ordine, come previsto per le manifestazioni. Se ne fanno 2 o 3 alla settimana, per recuperare gli straordinari degli agenti rischiamo di trovarci con un poliziotto in meno sulle strade al giorno. Per quanto riguarda Rifondazione, credo che contestare le manifestazioni altrui senza autorizzazione sia un problema di buon gusto". Insomma, dice Tommaso Foti, onorevole del Pdl, meglio aspettare l'attuazione del decreto sulle ronde. La proposta del Governo mira infatti a dare regole precise per l'istituzione di gruppi di volontari. Si tratta - specifica Foti - di un decreto di legge serio, che dispone il ricorso a associazioni con iscrizione prefettizia e non devono avere matrice politica".

Daniel Negri (Pd). "Sicurezza strumentalizzata". "Ho appreso dagli organi di stampa  - scrive il consigliere comunale del Pd Daniel Negri - che la “ronda leghista” dell’altra notte ha avuto il brillante risultato di distogliere un cospicuo numero di agenti delle forze dell’ordine dalle loro mansioni ordinarie, per fare da scorta a quella che altro non era che una manifestazione di partito, travestita da “passeggiata per la sicurezza”. Questo dimostra piuttosto chiaramente come questo tipo di manifestazioni abbiano come unico scopo una continua strumentalizzazione politica di un problema serio come quello della sicurezza, gestito prevalentemente dal governo a colpi di slogan o “grida manzoniane” come ha recentemente dichiarato in un’intervista al quotidiano Repubblica l’ex ministro dell’Interno Giuseppe Pisanu, di Forza Italia, dichiarando “discutibili” i provvedimenti del governo su “ronde e immigrati”. Un governo, che ricordiamolo, dopo aver speso gran parte del tempo della scorsa campagna elettorale a soffiare sul fuoco del problema sicurezza ha posto come priorità nel dibattito politico la questione “intercettazioni telefoniche” , mettendo in disparte problemi ben più sentiti come ad esempio quella della certezza della pena. Mi preme poi innanzitutto far presente, come le associazioni di volontari di strada d’emergenza, come ad esempio i “City Angels”, attualmente l’unica associazione Onlus riconosciuta che si occupa di volontariato per la sicurezza e prevenzione della criminalità di strada, ha al centro della propria mission oltre alla sicurezza, anche l’assistenza di cittadini in difficoltà, prestando aiuto a senzatetto, emarginati, tossicodipendenti e anziani. I City Angels, presenti a Milano, Roma ed altre città, operano prevalentemente in zone che presentano problematiche sociali in stretta collaborazione con le istituzioni, sono composti da uomini, donne e cittadini immigrati. Per poter diventare operativo un volontario deve effettuare un corso di formazione con nozioni di pronto soccorso, alcolismo, psicologia, autodifesa e superare un esame finale. Per loro stessa dichiarazione i City Angels si sono pubblicamente dichiarati contrari alle ronde di cittadini, perché come spiega il loro fondatore Mario Furlan “Le ronde nella loro accezione comune vanno in cerca del nemico. Noi di Persone da aiutare”. Un approccio questo che vede al centro dell’azione il recupero, a mio parere assolutamente condivisibile e ben diverso, da quello delle ronde “politicizzate”.

 
Voci correlate:
  • Daniel Negri
  • Roberto Reggi
  • ronde
  • Tommaso Foti
  •    facebook  twitter  invia

     stampa

    Commenti:


    Bene Le ronde
    Ottima idea quella delle ronde, sono gia attive in molti paesi europei, e nessuno mai ha pensato a squadrismo o stupidaggini del genere. La Lega Nord si prende a cuore i problemi dei cittadini ed è l'unico movimento che fa qualcosa di concreto.
    Enzo
    01/03/2009  16.02


    Mwflio comunque aspettare il Decreto anche perchè sul decreto sarà specificato da chi devono essere composte le "ronde", che cosa possono e che cosa non possono fare.
    paolo
    27/02/2009  16.27

    Nella psicologia dell'onorevole
    Foti afferma: "Si tratta di un decreto di legge serio, che dispone il ricorso a associazioni con iscrizione prefettizia e non devono avere matrice politica". Ma ci crede veramente a quello che dice?
    Giulio Armanetti
    27/02/2009  16.11


    l'intervento mi pare in parte positivo. è giusto attendere il decreto e una completa regolamentazione. ma se la ronda leghista di ieri sera era dunque da considerarsi una manifestazione politica, che ci azzeccavano i giubbini piacenza sicura?
    Piè
    27/02/2009  13.36


    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it