[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Bimba di 9 mesi ingerisce uno spillo. Salvata a Parma

Un delicato intervento della Gastroenterologia pediatrica dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma su di una bambina di soli 9 mesi di Piacenza si è reso necessario dall'ingestione di uno spillo che ha messo a serio rischio la sua vita. Un difficile e lungo intervento di endoscopia è stato condotto dall'equipe di Gastroenterologia pediatrica dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, guidata da Gian Luigi de' Angelis. E ha permesso di rimuovere dall'intestino il piccolo oggetto acuminato e a salvare la bambina.

Alla mezzanotte di venerdì 13 febbraio, all'Ospedale Maggiore di Parma è arrivata, trasferita in urgenza dall'Ospedale di Piacenza, una bimba di 9 mesi, ricoverata per ingestione accidentale di uno spillo. A seguito di un esame radiologico, che evidenziava uno stomaco pieno di alimenti, dopo un consulto è stato deciso di non procedere all'endoscopia urgente e di tenere sotto continuo monitoraggio la bambina. 

Sabato mattina, dopo rivalutazione radiologica che confermava il sospetto di ritenzione gastrica, de' Angelis, coadiuvato dalla specialista Fabiola Fornaroli e dall'anestesista Federico Buzzi, provvedeva all'endoscopia, in anestesia generale.
Lo spillo è stato ritrovato nel duodeno distale, con la punta già ben penetrata nella mucosa intestinale. L'aggancio e la successiva estrazione hanno richiesto circa un'ora di manovre senza che si siano verificate lesioni traumatiche della mucosa.

L'eccezionalità dell'intervento sta nel fatto che, oltre alla rarità dell'incidente e alla difficoltà tecnica di per sé stessa elevata, l'equipe non ha potuto usare nella fase di estrazione nessun presidio di protezione alla punta acuminata (es. cappuccio di silicone) in quanto si trattava di una bambina molto piccola, di soli 8 Kg.

 
Voci correlate:
  • Ospedale
  • Parma
  • Commenti:



    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it