[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



E' mancato Nuccio Tirelli, figura storica della sinistra piacentina

Piacenza - E' mancato Renuccio Tirelli (detto Nuccio), figura storica della sinistra piacentina. Lo ricorda Mario Cravedi, presidente provinciale Anpi e già parlamentare del Pci. "Tirelli è stato assessore con la Giunta Trabacchi a metà degli anni Settanta e poi consigliere regionale del Pci, insieme a Pierluigi Bersani - racconta Cravedi -. Il suo percorso politico iniziò con i socialisti democratici, dove militò nell'ala di sinistra del partito. Una decisione che lo spinse ad aderire al partito socialista italiano di unità proletaria (Psiup), divenendone dirigente a livello provinciale e con incarichi anche in ambito nazionale".

"In seguito alla sconfitta delle elezioni del '72, quando il partito non conquistò nessun seggio in Parlamento, Tirelli confluì, come la maggior parte degli appartenenti allo Psiup, nel partito comunista, ed entrò subito nella segreteria e nella direzione provinciale del partito. Per me è stato un collaboratore molto serio, coerente, che diede un deciso contributo al Pci e alla coalizione che consentì di sconfiggere per la prima volta la Democrazia Cristiana, con la Giunta Trabacchi, di cui lui entrò a far parte con delega al Welfare".

Negli anni successivi, Tirelli entrò poi a far parte di Rifondazione Comunista. "Ma non aveva nulla a che fare con gli attuali dirigenti del partito - continua Cravedi -, era una persona che sapeva bene che l'antifascismo non è sventolare una bandiera, ma è la concezione di una società diversa".

Il comunicato stampa di Rifondazione Comunista Piacenza

SE NE E' ANDATO IL COMPAGNO NUCCIO TIRELLI, UNA DELLE FIGURE MAGGIORI DELLA SINISTRA E DELLA POLITICA PIACENTINA.
 
Questa mattina è morto, dopo una lunga malattia, Nuccio Tirelli.
La storia di Nuccio viene da lontano: militante e dirigente del Psi fino alla nascita del primo centrosinistra, fondatore dello Psiup, ha lavorato per anni alla Cgil torinese e piemontese. E' stato consigliere regionale emiliano-romagnolo per il Pci e, a Piacenza, ha svolto diversi incarichi istituzionali e di partito. E' stato assessore comunale a Piacenza nella seconda metà degli anni '70 ed ha contribuito in modo determinante alla costruzione del welfare comunale e alla realizzazione di politiche municipali basate sulla partecipazione, sul decentramento e sul coinvolgimento delle cittadine e dei cittadini. E' stato uno dei maggiori dirigenti della federazione piacentina del Prc. Attualmente era componente del Comitato Politico Federale ed iscritto al circolo "R.Luxemburg" di Piacenza. L'idea di politica per cui Nuccio ha lavorato e per cui ha vissuto  metteva al centro gli operai, le fabbriche e la lotta di classe e un approccio basato sull'ascolto, sullo studio e sull'inchiesta. Quello per Nuccio era ciò che dovevano e devono fare i comunisti. L'esperienza sindacale con gli operai della Fiat e la stagione delle grandi lotte operaie e democratiche degli anni '60 e degli anni '70 lo avevano segnato politicamente più di ogni altra cosa. Esortava per questo continuamente le compagne e i compagni più giovani a conoscere sul campo le cose di cui si discuteva e a leggere e a documentarsi. Nuccio ha continuato a partecipare alle iniziative e alle riunioni fino a poco tempo fa, malgrado la malattia con cui conviveva da molto tempo non gli desse tregua. Oggi abbiamo perso un compagno che, con la sua passione e la sua intelligenza viva, ha vissuto e si è battuto da comunista per tenere aperta la possibilità di cambiare il mondo. Il nostro abbraccio forte va a Renée, Luca, Federica e Elodie.

 

 
Voci correlate:
  • Nuccio Tirelli
  • Psiup
  •    facebook  twitter  invia

     stampa

    Commenti:


    ex presidente della regione Emilia romagna
    ho un ricordo lontano di un compagno intelligente e generoso.l'avevo perso di vista da anni La notizia della sua morte mi addolora profondamente.Invio le mie condoglianze alla famiglia e a rifondazione comunista lanfranco turci
    lanfranco turci
    08/01/2011  12.45

    ahi cravedi
    cravedi, ma cosa stai dicendo? sono senza parole
    francesco
    07/01/2011  23.04

    Se ne va un compagno, un galantuomo
    Per molti anni ci siamo frequentati ben poco, mi capitava però spesso di ricordarti, con il tuo imprgno e l'assoluta coerenza intellettuale e morale
    Enrico Bigli
    07/01/2011  20.07


    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it