[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Giulio Cavalli a Fiorenzuola: "L'arma della parola contro la mafia"

Giulio Cavalli a Fiorenzuola ha testimoniato l’importanza della parola come arma per debellare il fenomeno mafioso - comunicato stampa Idv Piacenza

“Ridere di mafia è una ribellione incontrollabile”. Con queste poche parole Giulio Cavalli riesce a rendere lampante il modo d’intendere la sua battaglia intrapresa contro la criminalità organizzata nel profondo nord del Paese. Di professione attore teatrale e scrittore, eletto Consigliere Regionale in Lombardia nelle file dell’Italia dei Valori, la storia di Giulio incarna l’impegno civile, l’abnegazione verso un percorso di denuncia del fenomeno mafioso intrapreso facendo nomi e cognomi, disonorando il nome di boss attraverso la parola e il gesto utilizzate negli spettacoli teatrali, da ultimo lo splendido A cento Passi dal Duomo, una ninna nanna dolce per un risveglio brusco di quella Lombardia che si crede immune dalla mafia.

Cavalli è stato lunedì scorso ospite di Idv al Teatro Verdi di Fiorenzuola, cornice in cui ha potuto parlarci del libro da lui scritto dal titolo Nomi, cognomi e infami. Lo abbiamo conosciuto per il lasso di tempo intercorso fra l’arrivo e l’inizio dell’evento, notando in lui una consapevolezza e una serenità ammirevoli nonostante le minacce subite, le intimidazioni e i tentativi di delegittimazione con cui convive da quando ha cominciato questo percorso di sensibilizzazione delle coscienze che lo “costringe” a vivere scortato da due uomini armati 24 ore al giorno.

A testimonianza di ciò ci sono sensazioni come sofferenza, rischio, paura che ti rimangono cucite addosso giorno dopo giorno, denuncia dopo denuncia. Giulio ci ha raccontato tante storie, compresa la sua, ma in ognuna il filo conduttore risultava essere il potere economico di cui gode tutt’ora la ‘ndrangheta nel nord Italia. Un potere che l’ha portata ad inserirsi in tutti i settori economici, gestione del denaro pubblico compresa, istituzionalizzandosi e facendo divenire la corruzione sistema.

Ma da noi non se ne parla, come se fosse un problema solo e soltanto del Sud. Perché discuterne sarebbe molto probabilmente inteso come un segnale di ammissione che “la mafia al nord esiste”;  per cui si dovrebbero cercare soluzioni ma pure tracciare un’ideale riga rossa fra buoni e cattivi senza nascondersi dietro al parafulmine della sentenza per etichettare qualcuno come impresentabile, proprio quanto detto da Paolo Borsellino in un memorabile intervento a proposito dell’opportunità politica.

Il lavoro di Giulio è perciò prezioso per risvegliare dal profondo torpore i negazionisti, ma non si può fermare li, dobbiamo essere noi giovani a farci a nostra volta portatrici della speranza di cambiamento avendo il coraggio di essere liberi.

Andrea Fossati – Giovani Italia dei Valori Piacenza
 

 
Voci correlate:
  • Giulio Cavalli
  • Idv
  • Commenti:



    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it