[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Sede associazione islamica, Parma (Lega): "Attendere la legge"

“Come ha sottolineato nei giorni scorsi il ministro Roberto Maroni, servono regole certe per l'apertura dei luoghi di culto delle religioni che non hanno sottoscritto un accordo d'intesa con lo stato, come l'Islam. Fino a quel momento ritengo sia sconveniente, ai fini della sicurezza, dare assenso all'apertura di qualsiasi struttura”. Così l'assessore provinciale alla sicurezza Maurizio Parma a pochi giorni dalla presentazione del progetto della cosiddetta cittadella islamica sulla Caorsana.

 "Anche nei Paesi più laici, Stato e cittadini manifestano cautele e premure. La Francia ha negato l'utilizzo del velo nelle scuole pubbliche, in Svizzera – esattamente un anno fa – il 57,5 per cento dei cittadini ha detto 'no' ai minareti. Per questi motivi fino a quando non verranno definite regole per garantire la libertà di religione salvaguardando al contempo la sicurezza dei cittadini sarebbe il caso di astenersi dal dare avvio a moschee ed affini. Che il quadro sia ancora confuso lo testimoniano i fatti di Casalpusterlengo, dove il Consiglio di Stato ha ribaltato la sentenza del Tar sul centro islamico di via Fugazza; mentre la condanna a sette anni per terrorismo islamico dell'ex imam di Cremona, Mourad Trabelsi, dovrebbe far desistere dal procedere.

Prima di avviare nuovi insediamenti islamici lasciamo che in parlamento faccia il suo corso il disegno di legge a firma di Roberto Cota e Andrea Gibelli, che stabilisce che prima dell'edificazione di una moschea debbano essere consultati i cittadini del territorio e definisce distanze minime dagli altri luoghi di culto. Il ddl vieta inoltre la preghiera in locali destinati ad attività culturali, come nel caso in oggetto”.

 
Voci correlate:
  • Islam
  • Maurizio Parma
  • Commenti:


    ART. 8 della costituzione
    Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l'ordinamento giuridico italiano.
    samuele
    01/12/2010  18.40

    ASS: ISLAMICA
    Speriamo che Reggi ascolti.
    riccardo
    01/12/2010  18.11


    NO ALLA MOSCHEA, RITROVI, E ALTRO di cultura islamica. Prima inizino a comportarsi come persone"CIVILI" e si addattino alle NOSTRE LEGGI-REGOLE e poi forse se ne riparla.... FORSE...
    Dany
    01/12/2010  17.27

    bene
    era ora che la provincia intervenisse ufficialmente...
    antonio
    01/12/2010  15.56


    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it