[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Pollastri (Pdl): "Operatori socio sanitari, vigilare sulle qualifiche"

Operatori Sociosanitari.
Pollastri: “Vigilare per garantire la qualità della qualifica” - comunicato stampa

BOLOGNA, “Possibile conflitto di interesse per le coop emiliano-romagnole”, è il dubbio di Andrea Pollastri (PdL), per fugare il quale il Consigliere Regionale ha presentato un’interrogazione in Regione.
IL tema è la formazione professionale: con la Delibera n. 787 del 2009, infatti, la Giunta Regionale ha promosso l’avviso pubblico per l’attivazione di iniziative relative alla qualificazione degli addetti di base nei servizi sanitari e sociosanitari. Si tratta, in sostanza, delle modalità e dei conseguenti finanziamenti messi a disposizione dei centri di formazione per organizzare corsi per Operatori Sociosanitari (O.S.).
Molte persone che lavorano per soggetti privati, soprattutto cooperative, in ospedali, cliniche e case di riposo, infatti, non hanno questa qualifica, che diventerà obbligatoria per poter continuare a lavorare presso strutture convenzionate con il Sistema Sociosanitario Regionale.
Vi è quindi un forte interesse da parte di questi soggetti a far fare il corso ai propri dipendenti non dotati della qualifica O.S. per due evitare il rischio di perdere l’accreditamento, con la conseguente impossibilità di gestire le strutture sanitarie per carenza di fondi, e di dover licenziale del personale.
Il problema riguarda soprattutto le cooperative di servizio, per cui lavorano al quasi totalità dei dipendenti non pubblici dei centri sociosanitari: “Ed è qui che il problema diventa politico – spiega Pollastri - poichè molte cooperative sono anche proprietarie, direttamente o indirettamente, di enti di formazione, con la possibilità che, con i soldi regionali, organizzino corsi e diano certificazioni ai propri stessi dipendenti, facendo venir meno quel principio di terzietà che è indispensabile per garantire che gli O.S., data la delicatezza degli utenti a cui si rivolgono (ammalati, anziani, portatori di handicap, ecc.), siano in grado di fare al meglio il proprio mestiere.”
“Al fine di fugare qualsiasi dubbio su un possibile conflitto di interesse – prosegue l’azzurro – chiedo alla Giunta se effettivamente vi sia un rischio di conflitto di interesse e, in caso affermativo, se intenda adoperarsi per evitarlo, in particolare escludendo dai bandi previsti dalla Delibera n. 787 quegli enti di Formazione di proprietà diretta o indiretta di soggetti accreditati o accreditabili presso il Sistema Sociosanitario Regionale.”

 

 
Commenti:



INSERISCI COMMENTO:

*nome:
*e-mail:

titolo:

descrizione (max.255 caratteri):

  Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it