[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Pappaecicci: pesche per "finta"
  

La cucina torna protagonista sulle pagine web di PiacenzaSera.it, con un nuovo appuntamento fisso. La nostra amica Katia Baldrighi, mamma e blogger, ha deciso di condividere con noi alcune delle sue ricette, pubblicate nel blog http://pappaecicci.blogspot.com/. Ecco una nuova proposta, tutta da gustare:

Oggi una ricetta che mi ricorda quando ero ragazzina e vedevo la mia vicina di casa preparare queste pesche per i suoi tre figli. La ricetta in effetti è la sua, non è tanto elaborata, magari solo un pochino lunga!
Sono uno dei dolci che non cucino tanto spesso ma che piacciono tanto a mio marito!! non tanto ai figli, dunque le preparo per qualche cena a casa di amici come in questo caso, altrimenti finisce che ce le mangiamo tutte io e lui!
Ingredienti:
250 g burro
200 g zucchero
600  di farina
4 tuorli d’uovo + 1 uovo intero
una bustina di lievito per dolci
succo di limone
per la farcitura
nutella e mandorle intere q.b.
Per la bagna
un bicchiere di alchermes
1/ bicchiere di latte
per la finitura:
zucchero semolato q.b.
Preparazione
Preparare la pasta come una comunissima frolla unendo tutti gli ingredienti in un robot da cucina (io il bimby) e formando una palla che andrà messa in frigo a riposare per una mezz’ora. Trascorso questo tempo, formare delle palline del diametro di 4/5 cm (cresce un po’ in forno) e posizionarle su una placca un po’ distanziate tra loro, metterle in forno caldo a 200° per 20 minuti. Lasciarle raffreddare e scavarle con il dorso di un cucchiaino (vedi foto) per fare posto al nocciolo (mandorla). 
 
 
Preparare in una ciotola o in un piatto fondo l’alchermes e unirvi il latte, immergere velocemente le mezze pesche una alla volta fino a che non saranno diventate rosa (io faccio questa operazione un po’ per volta perché altrimenti si asciugano troppo e non si riesce più a far aderire bene lo zucchero semolato). Spalmare la nutella su una mezza pesca e posizionare il nocciolo/mandorla nell’incavo ricavato in precedenza, chiudere con un’altra mezza pesca e rotolare la pesca finita nello zucchero semolato per simulare la peluria delle pesche vere. Io, di solito, posiziono le pesche in pirottini di carta, questa volta poi, dovendo andare a cena a casa di amici ho pensato che per il trasporto poteva essere carino portare le finte pesche in una cassettina di legno proprio come se fossero state vere! Beh, innanzitutto sono rimaste a postissimo nonostante il viaggetto non dei più brevi, e poi hanno fatto la loro *porca* figura!!!
 

 
Voci correlate:
  • Katia Baldrighi
  • Pappaecicci
  • pesche per finta
  • Commenti:



    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it