[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Politiche sociali, le opportunita' di finanziamenti dall'Europa

“Le politiche e le opportunità di finanziamento europeo nel settore sociale” è il titolo dell'incontro che si è tenuto stamani in sala Consiglio, al quale hanno partecipato i rappresentati di tutti i comuni della provincia. L'Incontro, che si inserisce negli appuntamenti voluti dall'assessore Andrea Paparo, ha avuto lo scopo di fornire un aggiornamento sulle opportunita’ di finanziamento che l’Europa mette a disposizione e offrire adeguata formazione per dare l’opportunità di conoscere di più e iniziare, possibilmente, a fare progetti co-finanziabili dalla Comunità europea.
Relatore dell'incontro Lorenza Badiello, responsabile del servizio di collegamento con l'Unione europea della Regione Emilia Romagna. 
Hanno aperto i lavori l'assessore allo Sportello Europa Andrea Paparo e l'assessore alle Politiche sociali Pier Paolo Gallini, poi la parola è passata a Lorenza Badiello.
“Le Politiche sociali – ha detto la Badiello – non sono un'area propriamente comunitaria e il loro coordinamento è svolto ancora dagli Stati membri e le competenze sono delle Nazioni, Bruxelles si limita a tracciare gli obiettivi che sono fondamentalmente tre: l'inclusione sociale, le pari opportunità e la sicurezza del lavoro. Il 2010 è stato l'anno dedicato dalla UE all'inclusione sociale e alla lotta alla povertà, mentre il 2011 sarà dedicato al Volontariato, ma è sostanzialmente dalla metà degli anni '70 che l'Europa si occupa di politiche sociali e uno degli obiettivi contenuti nel programma Europa 2020 è la lotta alla povertà, una crescita dell'occupazione, la coesione territoriale in una logica applicata di sussidiarietà. La nuova strategia della Comunità  europea chiamata “Europa 2020”  - ha proseguito Lorenza Badiello - si propone di di uscire dalla crisi e di preparare l'economia dell'UE per il prossimo decennio. La Commissione ha individuato tre motori di crescita, da mettere in atto mediante azioni concrete a livello europeo e nazionale: crescita intelligente (promuovendo la conoscenza, l'innovazione, l'istruzione e la società digitale), crescita sostenibile (rendendo la nostra produzione più efficiente sotto il profilo delle risorse e rilanciando contemporaneamente la nostra competitività) e crescita inclusiva (incentivando la partecipazione al mercato del lavoro, l'acquisizione di competenze e la lotta alla povertà). Questa battaglia per la crescita e l'occupazione richiede un coinvolgimento al massimo livello politico e la mobilitazione di tutte le parti interessate in Europa”. La Commissione propone un programma che consiste in una serie di iniziative faro ma il raggiungimento degli obiettivi  richiederà interventi a tutti i livelli: organizzazioni dell'UE, Stati membri, autorità locali e regionali ed è entro questo quadro di interventi che verranno co-finanziati progetti volti al perseguimento degli  obiettivi indicati da “Europa 2020”.

 

 
Voci correlate:
  • Provincia
  •    facebook  twitter  invia

     stampa

    Commenti:



    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it