[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Scuola, Paparo risponde al Pd. "Consiglio ad hoc il 1 ottobre"

Botta e risposta tra i consiglieri provinciali del Partito democratico e l'assessore provinciale all'Istruzione Andrea Paparo.

Ecco la lettera dei consiglieri Pd. Abbiamo letto nei giorni scorsi che l’Assessore provinciale alla scuola Andrea Paparo ha scritto una lettera all’assessore regionale Bianchi, dicendosi preoccupato per le conseguenze dei tagli operati dal ministero dell’Istruzione sugli organici degli insegnanti della nostra provincia. L’assessore esprime dunque piena condivisione all’azione delle Regione tesa ad ottenere un adeguamento degli organici alle esigenze del nostro territorio.

La preoccupazione dell’assessore è indubbiamente motivata: i numeri parlano da soli e sono stati più volte riportati dai giornali di quest’estate. A settembre, ben 12 classi di scuola dell'infanzia (circa 300 bambini) non avranno l'insegnante dallo stato, quindi l’apertura di queste sezioni si potrà realizzare solo se i comuni riusciranno a reperire le risorse finanziarie per pagare i docenti e il personale ATA, sostituendosi ancora una volta alla latitanza del governo. Nella scuola elementare altri 400 bambini non potranno usufruire del tempo pieno Nelle scuole medie ci saranno addirittura 50 docenti in meno rispetto al fabbisogno, e la situazione è ancora più complicata nelle scuole superiori, dove l’applicazione della cosiddetta “riforma Gelmini” ha portato ad un drastico taglio delle ore di lezione, in particolare negli istituti tecnici e professionali, e dove spicca la situazione estrema di una classe quarta dell’istituto “Marcora” di Cortemaggiore, dove undici studenti, fra cui tre disabili, rischiano, a causa del loro numero, di non poter proseguire il percorso scolastico. Infine, in tutti gli ordini di scuola, molti studenti diversamente abili non potranno avere l’insegnante di sostegno, nonostante una recente sentenza della Corte Costituzionale abbia sancito che il diritto all’istruzione va in ogni caso garantito, specialmente a chi ha più difficoltà.

Insomma la situazione è gravissima, e c’è davvero da sperare che l’azione della regione abbia successo e questi tagli vengano almeno in parte revocati. Ma all’Assessore Paparo bisogna anche ribadire che la preoccupazione non è sufficiente! Se i tagli del governo mettono in ginocchio il sistema scolastico della nostra provincia, bisogna avere il coraggio di trarne le conseguenze politiche e dire con chiarezza che la politica scolastica del governo di centro-destra è sbagliata e va radicalmente rivista. La scuola italiana ha indubbiamente dei problemi, che vanno affrontati e risolti, ma non si può scaricare su un servizio cruciale come la scuola l’esigenza di tagliare la spesa pubblica per far quadrare il bilancio dello stato. Bisogna fare scelte totalmente diverse e, in ogni caso, qualunque taglio non può essere applicato in modo indiscriminato su tutti i territori. La provincia di Piacenza, grazie alle amministrazioni di centro-sinistra, ha già fatto sforzi importanti di riorganizzazione della rete scolastica, per cui oggi il nostro sistema lavora con circa 12 alunni per ogni insegnante, contro una media nazionale intorno a 10. Questa differenza implica che stiamo già lavorando con quasi il 20% in meno di insegnanti rispetto alla media nazionale, una situazione che evidentemente non può sopportare ulteriori tagli. La recente mobilitazione locale di genitori, docenti, personale ATA, sindacati e istituzioni interessate, cui il PD ha garantito il proprio sostegno, dimostra come le forze del territorio vogliano davvero una svolta nella politica scolastica, sia a livello nazionale che locale.

Come consiglieri provinciali del PD, abbiamo espresso la nostra forte preoccupazione fin dallo scorso anno scolastico. Abbiamo sollevato il problema degli organici e dei fondi statali per le scuole in diverse sedute del Consiglio Provinciale. Molte delle nostre mozioni sono state respinte, ma una, relativa all’adeguamento degli organici della scuola dell’infanzia, è addirittura stata votata all’unanimità. Ma il Presidente Trespidi e l'assessore Paparo si son ben guardati dal "battere i pugni sul tavolo del governo", almeno per chiedere che ci venisse concesso il dovuto.

Lo scorso marzo, durante la discussione della riforma della scuola superiore, abbiamo chiesto, come PD, che si organizzasse un Consiglio Provinciale straordinario sui temi della scuola, aperto all’intervento di tutte le parti interessate (amministrazione scolastica, dirigenti, insegnanti, personale ATA, amministratori locali). Il presidente Trespidi si è pubblicamente impegnato ad organizzarlo dopo la pausa estiva, ma per ora nulla si è mosso. Vista l’urgenza dei problemi (l’anno scolastico sta ormai per iniziare) e la gravità della situazione, noi ribadiamo con forza questa richiesta: su un tema come la scuola, il Consiglio Provinciale può anche interrompere le vacanze e riunirsi urgentemente.

Paolo Sckokai, Pierluigi Caminati, Marco Bergonzi

Consiglieri Provinciali PD

Ed ecco la replica di Paparo. “Nella lettera inviata all’assessore regionale alla scuola Patrizio Bianchi non esprimo unicamente preoccupazione, ma anche il sostegno alle ragioni del collega regionale, nella forma corretta prevista nei
rapporti tra istituzioni dall'ordinamento del nostro Paese. Mi rammarico del fatto che i consiglieri del Pd
Marco Bergonzi, Paolo Sckokai e Pierluigi Caminati non abbiano capito senso e valore dell’iniziativa”
L’assessore provinciale Andrea Paparo replica agli esponenti di via Garibaldi del Partito democratico, autori
oggi di un intervento critico sull’operato della giunta in tema di scuola. Nel comunicato i tre chiedono anche
di fissare una data per un consiglio provinciale dedicato ai problemi del settore.
“Ne verrà richiesta la convocazione, come previsto nel Piano esecutivo di gestione – assicura Paparo
–. Già una data è sul tavolo: dovrebbe tenersi il primo ottobre. Intanto il 2 o il 6 settembre è prevista la
calendarizzazione della commissione consiliare e il prossimo 13 settembre è in programma la conferenza
scolastica provinciale. Date ancora ufficiose, ma che dimostrano che abbiamo ben presente la situazione e
stiamo lavorando per affrontarla. Non da ultimo non dobbiamo dimenticare che lunedì 23 agosto a Bologna si
terrà la conferenza regionale del sistema formativo, da cui ci aspettiamo indispensabili elementi per costruire
un quadro completo di una situazione notoriamente in continuo divenire”.
“Se per i tre consiglieri Pd – continua l'assessore provinciale – la convocazione di un consiglio provinciale
è la proposta politica risolutiva dei problemi della scuola italiana, non capisco perché non applichino il
regolamento consiliare, in base al quale bastano cinque firme per chiederne l’indizione. Sono certo che non
avranno difficoltà a trovare altri due colleghi”.
“Per quel che riguarda le preoccupazioni espresse sulla classe del Marcora e la mancata certezza che possa
partire la quarta a Cortemaggiore, l’amministrazione provinciale si è già interessata e spero di essere un
buon profeta dicendo che ci sono ragionevoli motivi per essere ottimisti e aspettarsi, a ore, buone sorprese”.

 
Commenti:



INSERISCI COMMENTO:

*nome:
*e-mail:

titolo:

descrizione (max.255 caratteri):

  Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it