[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Venerdi' l'inaugurazione di una nuova strada per Ottone

In occasione della festa della Madonna del Dego la Provincia e il comune di Ottone inaugureranno la strada che dal cosiddetto Piano della Prevetta porta alla cappelletta mariana del Monte Dego dove, venerdì 20 agosto alle 15, il presidente Massimo Trespidi e il sindaco Giovanni Piazza consegneranno alla cittadinanza un collegamento rimesso a nuovo.

Via Garibaldi ha messo a disposizione escavatori e autocarri, il locale municipio ha provveduto con ulteriori mezzi, materiali e operatori. Risultato: sono stati eliminati i problemi legati ai dissesti dell'arteria comunale e sono stati effettuati anche piccoli interventi di regimazione idraulica delle acque superficiali.

I lavori sono stati coordinati dal dirigente responsabile del settore grandi opere, Stefano Pozzoli e seguiti dal funzionario tecnico Stefano Troglio. “Abbiamo provveduto in tempi rapidi alla sistemazione della strada – spiega Pozzoli –. La richiesta ci è pervenuta solo due mesi fa. L'impiego di mezzi e risorse non ha penalizzato gli altri interventi che abbiamo in essere in alta Valtrebbia: manutenzione ordinaria, risagomatura cunette, sfalcio di vegetazione ai bordi delle strade”. Il collegamento è parzialmente in terra battuta e in parte in roccia, serve boschi e terreni limitrofi di proprietà di privati e conduce al santuario della Madonnina del Monte Dego, molto venerata sia dagli ottonesi che dai pellegrini dei Comuni della zona, da Rezzoaglio a Santo Stefano d'Aveto. La Provincia si è recentemente
impegnata a redigere uno studio per il recupero e il ripristino delle coperture del luogo di culto, che sorge a poca distanza dal nucleo originario, voluto negli anni '40 del 1800 dall'allora vescovo monsignor Antonio Gianelli.

Alla fine della prima guerra mondiale, nel 1922, i reduci di Frassi costruirono, a poca distanza, l'attuale cappelletta in onore della Madonna di Lourdes. Ogni anno alla terza domenica d'agosto e all'otto settembre si rinnova la festa cui partecipano devoti della Valtrebbia e della Valdaveto.

 
Voci correlate:
  • massimo trespidi
  • Ottone
  • provincia
  •    facebook  twitter  invia

     stampa

    Commenti:



    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it