[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Castagnetti: "Scuola, il governo si assuma le sue responsabilita'"

“Sto seguendo a distanza, ma con molta apprensione, l’evolversi della situazione per le scuole piacentine. Le cifre contenute nella bozza regionale per l’adeguamento degli organici dimostrano, purtroppo, che i timori espressi nei mesi scorsi dal sottoscritto, accanto agli insegnanti e ai genitori, erano tutt’altro che infondati”: è un’amara constatazione, quella che l’assessore al Futuro
Giovanni Castagnetti invia dal Brasile, dove sta seguendo il progetto comunale Kamlalaf.

“Per troppo tempo – scrive – a fronte delle voci levatesi dal mondo sindacale e delle proteste di famiglie e lavoratori, chi prende le decisioni di cui vediamo oggi le conseguenze ha minimizzato, tentando di usare toni rassicuranti e volti a stigmatizzare, come polemica strumentale, quella che in realtà era la denuncia oggettiva e documentata di un sistema scolastico allo sbando”.

“In questi giorni – prosegue l’assessore, riferendo di averne parlato anche col sindaco Reggi – qui in Brasile mi sono seduto tra banchi di scuola poveri e semplici, in aule prive di dotazioni di base e di qualsiasi tecnologia, ma ho percepito fortemente, anche in questo contesto, la determinazione di un intero Paese a puntare sulla formazione delle giovani generazioni per conseguirecrescita e sviluppo. Perché, nell’Italia di un Governo che tanto ha vantato le tre I (informatica, inglese, impresa) come modello innovativo di istruzione, ci troviamo invece a fare i conti con una scuola che finirà con l’escludere i più deboli, abbandonare le famiglie, ridurre la sicurezza e non poter assicurareneppure l’assistenza di base? E’ la stessa domanda che ci siamo posti, scendendo in piazza accanto a insegnanti e genitori, nelle scorse settimane.

Il Comune di Piacenza – conclude Castagnetti – continuerà a far sentire la propria voce perché la scuola piacentina non sia lasciata alla deriva, ma la situazione è molto seria e il Governo deve assumersi le proprie responsabilità, nel momento in cui sceglie di tagliare sulla qualità della scuola, nell’accezione basilare del termine: come realtà di accoglienza e integrazione, capace di assicurare, a tutti, un cammino di formazione e crescita personale. Questa non è una protesta politica, ma una questione civile che riguarda ciascuno di noi: lo dico confermando piena solidarietà ai lavoratori, alle famiglie e ai loro rappresentanti”.
 

 
Voci correlate:
  • comune
  • giovanni castagnetti
  • scuola
  •    facebook  twitter  invia

     stampa

    Commenti:



    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it