[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Mussolini nel tema. La preoccupazione dell'Uds

Interviene l'Unione degli Studenti di Piacenza sulle tracce dei temi della maturità. Ecco il comunicato integrale.

Nella Tipologia B Ambito Storico-Politico della prima prova dell'Esame di Stato conclusivo della scuola secondaria superiore è apparsa una frase di Benito Mussolini. La frase è tratta dal discorso di proclamazione della dittatura fascista. Il titolo della traccia esame è “Il ruolo dei giovani nella storia e nella politica. Parlano i leader”. La citazione non era riferita al legame tra i giovani e la politica. Semplicemente riportava la definizione del fascismo come “passione superba della migliore gioventù italiana”.

Come Unione degli Studenti di Piacenza siamo assai preoccupati per l'accaduto. La scuola italiana, come tutte le Istituzioni del Paese, deve ispirarsi ai valori della Costituzione repubblicana, Costituzione antifascista, pertanto anche l'Esame di Stato che definisce il grado di maturità di uno studente, la conclusione del suo percorso scolastico deve informarsi a tali valori. Se la scuola deve socializzare lo studente ai valori della democrazia, della libertà, dell'uguaglianza, della giustizia come si può sottoporre allo studente una traccia d'esame in cui essi sono negati?

Se la traccia d'esame avesse contenuto una citazione mussoliniana che consentiva un confronto e quindi una critica saremmo stati felici di trovarla in quanto avrebbe messo alla prova la capacità di critica dello studente ma il testo riportato era solo un insieme di minacce e orpelli retorici che non davano alcuna possibilità di riflessione. Gli altri testi presentati erano complete riflessioni con tanto di argomentazioni che uno studente poteva non condividere ma su cui poteva riflettere.

Siamo preoccupati perchè questo è uno dei segnali che ci mettono in guardia sulla direzione presa dal Paese. Il Governo porta avanti costantemente attacchi ad ogni parte della nostra Costituzione e alle Istituzioni che la rappresentano. Esponenti della maggioranza tentano di cancellare la nostra Storia e la nostra Memoria. Si parla addirittura di cancellare la Resistenza dai programmi scolastici, di parificare i collaborazioni dell'RSI con i partigiani e i militari regolari, di trasformare il 25 Aprile in Festa della Libertà. Esprimiamo quindi disappunto e preoccupazione perché come studenti e soprattutto come organizzazione che tra i suoi principi cardine ha l’antifascismo non possiamo tollerare un affronto aperto nei confronti della COSTITUZIONE italiana. Quella Costituzione che nel suo nome ha visto morire migliaia di cittadini che si sono ribellati alla schiavitù fascista e si sono opposti al regime. Viva la Costituzione e Viva l’Antifascimo.

 

 
Commenti:



Lo ribadisco: arridatece Pallavicini
Franco
24/06/2010  00.11

più che altro......
uno studente preparato probabilmente si sarebbe accorto che dalla cit. di Mussolini,in senso storico,si poteva fare un ampio discorso sul giovanilismo,sulla generazione della trincea,sul vitalismo Fiumano(1919)sul biennio rosso ecc.La polemica è sterile
Capitan Harlock
23/06/2010  16.35

il comunismo è bene! ahahahahahah
vorrei far notare che hanno citato anche quel comunista di togliatti che inneggiava al comunismo come se fosse il bene dell'umanità, quando invece è stato riconosciuto come la peggior forma di dittatura. tacete e non parlate di numeri di morti...
ahaahahah
23/06/2010  15.06


Cosa c'entra Pallavicini? Il comunicato è dell'Unione degli Studenti non dei Giovani Comunisti. Comunque se viene letta la frase (disponibile on line) appare chiaramente che non era inerente al contesto.
Paolo UDS
23/06/2010  14.55

come al solito...
...viene data una lettura tutta di parte, se non sbaglio le frasi non erano solo di Mussolini, ma erano presenti Togliatti, Moro e Vojtila; uno spaccato, quindi, del XX secolo. Io credo che una critica sia fattibilissima anche sulla frase di Mussolini.
IL VAGO
23/06/2010  13.43

leggere i titoli
tralasciando qualsiasi giudizio di valore,in un tema "storico-politico",non vedo cosa ci sia di male a lasciare "aperta"una riflessione su citazioni di Mussolini,poichè tra l'altro l'insieme delle citazioni spazia su una vasta fetta di storia italiana
Capitan Harlock
23/06/2010  13.02


arridatece Pallavicini
Franco
23/06/2010  12.16


INSERISCI COMMENTO:

*nome:
*e-mail:

titolo:

descrizione (max.255 caratteri):

  Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it