[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Gran finale al Farnese con la Popovic per il Blues Fest

La bella Ana Popovic sigilla l’edizione 2010 del Piacenza Blues Festival

Dopo la chiusura dei dibattiti letterari diurni in Duomo si è conclusa anche la parte prettamente musicale del Piacenza Blues Festival 2010 con l’esibizione di ieri sera al Farnese dell’artista serba Ana Popovic e della sua band.

Dopo l’apertura istituzionale, la scena è stata tutta della bella cantante e chitarrista serba. La Popovic ha regalato al pubblico piacentino il suo rock-blues selvaggio, certamente molto meno spirituale ed essenziale rispetto al delicato roots-blues dei giorni scorsi.  Una performance che è durata due ore, con quattordici brani (più un bis) eseguiti quasi tutti di un fiato, molti dei quali attinti dal proprio repertorio ma con piacevoli eccezioni, quali “Little wing” cover-tributo al guitar hero Stevie Ray Vaughan.

Si chiude questa sesta rassegna musical-letteraria ma già è possibile tracciare un bilancio provvisorio: oltre seicento gli spettatori paganti nelle quattro notturne, di cui duecentocinquanta solo per la Popovic, per un incasso approssimativo di seimila Euro (fonte: Fedro), mentre la Libreria Fahrenheit 451, presente con i suoi banchetti a tutti gli eventi sia diurni che serali, ha registrato discrete vendite nell’ordine di una cinquantina di volumi al giorno (tutti attinenti alla rassegna e agli ospiti del Festival). Al primo posto nelle vendite, il romanzo di Victor Gischler “La gabbia delle scimmie” ex-aequo con le opere di Joe Lansdale, segue “Il fine ultimo della creazione” dello scrittore e psichiatra Tim Willocks.  Numeri da confermare ma che indicano un apprezzabile seguito della cittadinanza all’iniziativa melo-culturale.

La carovana del blues lascia quindi la nostra città ma con la promessa di riprendere il discorso la primavera prossima per la settima edizione di questo sfaccettato festival, originale miscela di contaminazioni musicali, letterarie e cultura underground americana.

 
   facebook  twitter  invia

 stampa

Commenti:



il brano di stevie ray vaughan che ha proposto è lenny, non little wing...
Lorenzo Cammi
24/05/2010  13.10


INSERISCI COMMENTO:

*nome:
*e-mail:

titolo:

descrizione (max.255 caratteri):

  Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it