[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Marco Zuffada, revocati i domiciliari. Ora si trova a Le Novate
  

 AGGIORNAMENTO, martedì 20 aprile - Marco Zuffada si trova adesso a Le Novate. La revoca dei domiciliari è stata disposta dalle autorità giudiziarie perchè, nonostante il sequestro del Pc, continuava a molestare alcune ragazze via cellulare, oltre che a protestare contro i provvedimenti adottati nei suoi confronti. In particolare Zuffada, connettendosi alla rete tramite il telefono cellulare, ha caricato sul suo profilo di Facebook, per il momento non ancora oscurato, oltre 100 fotografie di una ragazza minorenne e scritto sempre sul social network diverse frasi ingiuriose e di sfida nei confronti delle forze dell'ordine e dei magistrati. A quanto si è appreso sarebbero diverse le ragazze molestate dallo stalker negli ultimi mesi.

Aggiornamento, sabato 17 aprile - Ha ignorato i divieti prescritti dal magistrato e ha continuato a utilizzare il computer utilizzato per molestare giovani donne. Lo stalker piacentino, Marco Zuffada, già noto in città e agli arresti domiciliari, ha ricevuto ieri pomeriggio una nuova visita dei Carabinieri, che gli hanno così sequestrato il pc. 

Questa è la prima segnalazione di inottemperanza del 39enne alle disposizioni emesse dal giudice per le indagini preliminari: se ne seguiranno altre in modo costante, la Procura prenderà in considerazione l'ipotesi di un aggravamento della sua posizione. Sembra infatti che l'ex tecnico di laboratorio abbia anche continuato ad importunare le giovani vittime con insistenti chiamate al cellulare e inviando sms.
L'uomo che è finito agli arresti domiciliari dopo le indagini condotte dai carabinieri di piacenza, molestava le ragazze attraverso pedinamenti, appostamenti fuori dalle scuole, e con messaggi più o meno espliciti inviati via facebook. Ma la sua posizione dopo gli ultimi fatti si potrebbe aggravare.

Venerdì 16 - Un altro caso di stalking, ma questa volta la persecuzione ai danni delle due vittime (due ragazze piacentine classe '91 e '84) arrivava anche via web, attraverso il più frequentato social network, Facebook. Un piacentino, di 39 anni. Marco Zuffada, è finito agli arresti domiciliari dopo le indagini condotte dai carabinieri di Piacenza. Secondo quanto riferito dai militari, l'uomo - con precedenti specifici e misure cautelari già adottate nei suoi confronti in passato - avrebbe molestato per un lungo periodo di tempo le due ragazze (una delle quali era minorenne all'epoca dei primi fatti) attraverso pedinamenti, appostamenti fuori dalla scuola e anche con messaggi più o meno espliciti inviati con Facebook.

Lo stalker avrebbe preso diverse informazioni sulle vittime, perseguitandole tramite internet e sms per poi mettere in atto pedinamenti e continui appostamenti creando nelle ragazze un forte stato d'ansia e costringendole e modificare radicalmente le proprie abitutdini di vita. E' stato lui stesso, nonostante il divieto di comunicare via internet e via telefono a comunicare la notizia del suo arresto direttamente sul proprio profilo di Facebook: "Arrestato sono ai domiciliari - ha scritto -  e i carabinieri han chiamato il fotografo fuori dalla caserma".

Il capitano Helios Scarpa, comandante della compagnia carabinieri di Piacenza, ha rivolto l'invito a chi fosse stato vittima dello stalker a sporgere denuncia presentandosi in caserma. L'arrestato Marco Zuffada nella foto diffusa dalle forze dell'ordine per consentire il riconoscimento da parte di eventuali altre vittime

 
Voci correlate:
  • carabinieri
  • Facebook
  • stalking
  •    facebook  twitter  invia

     stampa

    Commenti:


    .
    ... speriamo ora che stia dentro a lungo senza sconti di pena!!! ma doveva andarci già da vari anni!! Non capiscono chi ne fa 1 vittima.. speriamo che quando esce gli appioppino un foglio di via obbligatorio..
    .
    22/04/2010  15.02

    come sempre si esagera
    ecco l'ennesima esagerazione.per quello che ne so non ha mai fatto del male a nessuno.sicuramente è una persona con dei problemi ma bastava non dargli confidenza...i veri delinquenti sono altri dei quali nn si parla nemmeno.
    G
    22/04/2010  10.39

    non provo nè rabbia nè pietà ma pena
    sono d'accordo con Pingu. Di sicuro Marco è una persona con molti problemi (che lo giustificano fino ad un certo punto) e se fosse stato abusato da piccolo?
    Silvia
    21/04/2010  09.31


    anche su Stasi non c'era alcun dubbio sulla colpevolezza....
    Leonardo
    20/04/2010  16.33

    diritti
    La foto è stata divulgata allo scopo di convincere le eventuali altre vittime di "Cacca Gialla" a sporgere denuncia. Poi non c'è alcun dubbio sulla colpevolezza l'unico dubbio sarebbe sul numero delle vittime di molestia.
    Niko Niko
    20/04/2010  15.38

    Da condannare, però...
    1) non capisco come mai i carabinieri non abbiano ancora chiuso i 2 profili di Marco Zuffada 2) le ragazzine da lui molestate non hanno ancora inserito le impostazioni dalla privacy di Facebook. La prima cosa da fare, secondo me...
    pingu
    20/04/2010  13.26

    precisazioni
    capisco il motivo per cui è stata pubblicata la foto del personaggio in questione, però non trovo corretto condannare a priori una persona che non è ancora stata giudicata dalla legge, questo senza voler assolutamente giustificare il gesto riprovevole
    Leonardo
    20/04/2010  12.18

    mah...
    credo (e spero) che Bruno volesse fare una battuta ironica, cmq non trovo giusto sbattere "il mostro" in prima pg così... e poi adesso che l'han beccato tutti sapevano e accusano e prima non diceva niente nessuno? bello questo giustizialismo di massa
    Leonardo
    20/04/2010  11.55

    Meriti di soffrire le pene dell'inferno!
    Marco fai schifo e nn 6 degno di stare al mondo,prob.il carcere per le persone cm te,nn è la pena più severa!dovrebbero mutilarti per farti imparare!
    Katia
    20/04/2010  11.20

    Calma..
    Bruno sarà un ragazzino di 12anni,passate oltre..speriamo che qualche giorno alle Novate (meritati per la reiterazione) lo mettano in riga..cmq STALKING è una roba e PEDOFILIA un'altra eh..
    Jules
    20/04/2010  10.59

    x bruno
    fai schifo soltanto a pensarle certe cose! vergogna....a difendere un pedofilo ci vuole del fegato! sei come lui per caso ?
    matteo t.
    19/04/2010  13.51

    X BRUNO
    di cognome come fai ???? chi sei ???? fatti riconoscere cosi facciamo due chiacchere mi trovi all'american bar quasi tutte le sere
    barbarin fabio
    19/04/2010  09.33

    X BRUNO
    VERGOGNATI
    barbarin fabio
    18/04/2010  17.01

    per bruno
    sei veramente una persona triste come l'arrestato, io manderei in galera anke chi elogia la gente arrestata!!
    gio
    18/04/2010  16.16

    meglio tardi che mai
    ERA ORA!!!!!!!!!!!!
    pier
    17/04/2010  15.34

    per bruno .....
    sei deficiente come lui ....
    mauromoto
    17/04/2010  15.22

    La legge tutela i delinquenti !!
    .... in America ( PATRIA della democrazia ) a tipi come questo gli piantano una bandierina gialla davanti casa, come a dire " State attente !!" , qui manca poco che sia LUI la vittima....
    Paul Kersey
    17/04/2010  15.05

    qualcuno ha un po' di confusione in testa....
    evidentemente varie persone non è conoscono minimamente la differenza tra stalking e pedofilia...
    rufus
    17/04/2010  14.52


    Credo che i nomi e le foto degli arrestati li diramino i carabinieri o la polizia, non sono a discrezione dei giornalisti.Quando si leggono solo le iniziali o addirittura non viene citato il nome, non è colpa dei giornalisti.
    .
    17/04/2010  13.42

    giornalismo spazzatura
    meno male che è gratis
    ah
    17/04/2010  12.05

    legge uguale per tutti
    sicuramente se fosse stato un prete il nome e la foto ce la scordavamo
    gianni
    17/04/2010  11.53

    :)
    grande zuffo..sei il migliore =)
    bruno
    16/04/2010  21.02

    LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI ????
    OK AL CARCERE DURO PER I PEDOFILI SONO IO IL PRIMO AD AFFERMARLO MA COME MAI NON VENGONO FATTE VEFERE LE FOTO , NOMI E COGNOMI DEI VARI PRETI PEDOFILI CHE SONO STATI ACCUSATI NELLA NOSTRA PROVINCIA ?????? ALLORA LA LEGGE NON E' UGUALE PER TUTTI ?????
    damiano 70 FN
    16/04/2010  19.29


    era ora...ke skifo...
    cecilia
    16/04/2010  19.23


    Mitico Cacca Gialla !!
    .
    16/04/2010  19.06


    ha cagato fuori dal vaso sta volta ahahahahahah
    cantine aperte
    16/04/2010  18.43

    pedofilo
    galere ai pedofili,è una vita che questo tizio si aggira x piacenza a importunare ragazzine.
    igor
    16/04/2010  18.26

    Bella l'amico di tutti!
    bella l'amico di tutti!
    airone della notte
    16/04/2010  17.11


    basta guardare la tinta dei capelli per rendersene conto... che è un recidivo!!!
    bellachioma
    16/04/2010  16.30

    domanda
    Non è la prima volta che il tale fà di queste cose, o stò sbagliando persona? Tipo davanti al Respighi qualche anno fà.....
    Lavinia71
    16/04/2010  14.04


    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it