[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinč
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturitą
Tribuna politica
Opinioni



Cuneo passa al Palabanca dopo la battaglia (1-3)

CoprAtlantide-Bre Banca Lannutti 1-3 (24-26; 30-28; 24-26; 23-25)

E’ inutile nasconderlo: la stagione dei Campioni d’Italia in carica si decide in gran parte oggi e i biancorossi non sono sicuramente favoriti. Pesano infatti le assenze importanti e pesa ancor di più la forma degli ospiti, che sono davvero in stato di grazia. Cuneo ha anche il morale altissimo dopo aver conquistato la coppa Cev e aver dominato gara uno fra le mura amiche, avvalendosi di un servizio pungente e un Grbic in grande spolvero. Formazione praticamente obbligata per il tecnico di Fano: Meoni e Urnaut sulla sua diagonale, Rak e Bjelica al centro, Zlatanov e Bravo schiacciatori, libero Rinaldi. Giuliani può invece contare sul sestetto titolare: classica diagonale Grbic-Nikolov; al centro Fortunato e Mastrangelo, di banda Parodi e capitan Wijsmans, libero Henno. Dopo una prima fase di gara in cui i campioni d’Italia hanno mostrato scarsa lucidità, è salito in cattedra Michal Rak, autore di una prestazione decisamente sopra le righe a muro (16-12). Dopo il secondo time-out tecnico i piemontesi rientrano in partita portandosi a meno uno (16-15). Lorenzetti corre ai ripari con una mossa rischiosissima: il marcatissimo Zlatanov risiede in panchina e al suo posto entra in campo Grassano. Gli emiliani tirano fuori le unghie con Bjelica, che va a segno al servizio regalando un buon break di vantaggio (21-18). Ed è proprio il nuovo entrato Michele Grassano a risultare fondamentale nel finale di set, andando a punto sia a muro che in attacco (24-20). Piacenza spreca l’impossibile: proprio quando tutto sembra finito accade l’irreparabile. Simone Parodi al servizio diventa un fulmine di guerra. Colpevole la retroguardia biancorossa, assolutamente in balìa dell’avversario. Cuneo firma un break di 6 punti, che basta ad aggiudicarsi il set (24-26). Difficile tornare in campo e dare tutto, eppure Piacenza è chiamata a farlo e riesce a tornare a lottare a testa bassa, a spingere su ogni palla, perché questa è l’unica arma che può ribaltare le sorti del match (16-14). Il CoprAtlantide non molla e inizia a giocare il suo volley migliore. Cala invece vistosamente Wijsmans che spreca moti in attacco (19-16). Gli uomini di Lorenzetti dilagano (21-17). Il finale rischia di essere la fotocopia del set precedente: i biancorossi dilapidano un vantaggio importante, al resto ci pensa Wijsmans che mette giù una pipe pesantissima (23-23). Si va ai vantaggi: è ancora Parodi a fare la voce grossa e a mettere la freccia per i suoi (25-26). La tensione si tocca con un dito. Tine Urnaut tira fuori una bella sorpresa dal suo uovo di Pasqua: un missile dai nove metri dalla rara precisione, che ribalta il parziale. Chiude un attacco di Michele Grassano (30-28). Cuneo accusa il colpo, ne approfittano i padroni di casa (16-10). Coach Giuliani prova a cambiare la regia, torna mestamente a sedersi in panchina Grbic e scende in campo . Parodi torna ad essere fondamentale al servizio siglando un ace e continuando a mettere sotto pressione il reparto arretrato dei piacentini fino al (18-17), riaprendo così il set. Importantissimo il punto di Tine Urnaut, arrivato dopo un’azione prolungata e tesissima (21-19). I piemontesi rimangono cinici e freddissimi nei momenti che contano e riagguantano la parità proprio nel finale (24-24). A capovolgere le sorti del match è Nicola Grbic che va ad eseguire un muro perentorio sul povero Zlatanov 24-25. Chiude Cuneo dopo un pallone contestatissimo (24-26)
I campioni d’Italia in carica devono inseguire (10-13) poi trovano il sorpasso con capitan Zlatanov e Urnaut (16-14). Urnaut17-15. Il vento cambia ancora direzione: Nikolov inizia a picchiare come un fabbro e i piemontesi tornano a fare la partita (17-20). Bravo a muro riaccende le speranze (19-20). Finale tesissimo, si lotta su ogni palla. E’ ancora Simone Parodi a risultare decisivo chiudendo il match (23-25).
 
COPRATLANTIDE - BRE BANCA LANNUTTI 1-3 (24-26, 30-28, 24-26, 23-25)
COPRATLANTIDE PIACENZA: Rak 12, Massari 1, Meoni 2, Grassano 5, Boninfante 1, Sequeira, Zlatanov 13, Bravo 14, Rinaldi (L), Oivanen, Urnaut 14, Bjelica 10. Non entrati Durante.
All. Lorenzetti.
BRE BANCA LANNUTTI CUNEO: Wijsmans 11, Henno (L), Parodi 19, Fortunato 3, Nuti, Jeroncic, Nikolov 22, Grbic 6, Peda 1, Mastrangelo 7, Patriarca. Non entrati Ariaudo, Pieri.
All. Giuliani.
ARBITRI: Cesare, Cinti. NOTE - Spettatori 2600, incasso 18000, durata set: 31', 37', 36', 32'; tot: 136'.
 
Andrea Crosali

---

Pareggiare il conto nei quarti di finale dei play off scudetto. E' un pasaggio fondamentale per il CoprAtlantide quello in programma oggi pomeriggio alle 18 al PalaBanca: i ragazzi di Lorenzetti cercheranno di reagire al 3-0 subito giovedì scorso a Cuneo nella prima sfida della serie. I protagonisti saranno gli stessi, con Piacenza sempre orfana del cubano Leonel Marshall.

La Bre Banca Lannutti è in palla, mentre il CoprAtlantide sembra patire molto l’assenza di Marshall. Giovedì scorso, Lorenzetti è partito con Urnaut in diagonale con Meoni e con Zlatanov e Bravo in posto quattro, salvo poi rivoluzionare la formazione nel secondo set spostando Zlaty opposto. Con il nuovo assetto Piacenza se l’è giocata maggiormente ed è probabile che il tecnico di Fano riparta con questa soluzione tattica. 

---

Neanche il tempo di leccarsi le ferite per la gara di Cuneo che il giorno di Pasquetta  il CoprAtlantide sarà chiamato ad un immediato riscatto per sfruttare il fattore PalaBanca in gara2 di quarti finale playoff. Per arrivare al meglio a questa gara fondamentale, la compagine biancorossa lavorerà duramente anche nel giorno di Pasqua.
Il presidente Molinaroli, tutta la dirigenza, lo staff tecnico, la squadra e tutti i collaboratori del COPRATLANTIDE VOLLEY augurano ai propri tifosi e agli amanti del volley una serena PASQUA e li invitano numerosi al PalaBanca per gara2 CoprAtlantide- Bre Banca Lannutti.
Angelo Lorenzetti anticipa così gara 2:  "Sappiamo che ancora una volta Cuneo ci è stato superiore, soprattutto nel cambio palla. Lunedì dovremo limitare al minimo i nostri errori cercando di restare più vicini possibile ai nostri avversari per non consentire loro di chiudere con facilità i set. In gara1 ho alternato due tipi di formazioni: entrambe hanno pro e contro, era logico provare situazioni diverse, faremo le valutazioni del caso e valuteremo quale assetto adottare. Cuneo sta giocando una bellissima pallavolo, quello che da vita alla partita è il cambio palla ed il loro con noi ha funzionato troppo bene". La gara del PalaBanca (arbitri Cesare Stefano, Cinti Massimo) andrà in diretta su RADIO SOUND (Fm 95.0 - Fm 94.6 e in streaming www.RadioSound95.it) fischio d’inizio ore 18.

 
Voci correlate:
  • CoprAtlantide
  • Commenti:



    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera č una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Societą Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Societą Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicitą su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it