[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Boiardi lancia il comitato "Po libero dal nucleare". L'appello

Piacenza - Gianluigi Boiardi, presidente dell'associazione culturale "Io scelgo Boiardi", lancia il suo appello per la costituzione di un comitato per il "Po libero dal nucleare". L'appello è partito in contemporanea nei territori di Cremona, Lodi, Mantova e Parma .Riguarda i comuni rivieraschi e nella provincia di Piacenza è stato mandato per la precisione a: Villanova, Castelvetro, Monticelli, Caorso, Piacenza, Calendasco, Rottofreno, Sarmato, C.S.Giovanni, Cortemaggiore, Besenzone, Fiorenzuola, Alseno, Carpaneto, Cadeo, Pontenure, San Giorgio, Podenzano, Vigolzone, Rivergaro, Gossolengo, Gragnano, Borgonovo.

Di seguito il testo dell'appello, di cui Boiardi è promotore: Appello per la costituzione del “Comitato territoriale per la Democrazia locale a sostegno di energie rinnovabili, una economia verde, contro ogni ipotesi di imposizione di nuove centrali, per un Po libero dal nucleare”

A tutti i Sindaci dei Comuni della  pianura piacentina

Caro SINDACO
   di fronte alla minaccia di imposizioni dall’alto delle nuove centrali nucleari, come previsto dalla legge 99 del 2009 che contiene esplicitamente la misura del commissariamento per gli Enti locali che si rifiutassero di accogliere sul loro territorio gli insediamenti nucleari, è opportuno e urgente avviare una attività preventiva sia di tipo istituzionale e giuridico sia di tipo culturale e informativo a difesa dei diritti dei cittadini e delle popolazioni minacciate.

Il rischio infatti è che i Comuni vengano lasciati a loro stessi soprattutto di fronte alla possibilità che i loro territori vengano individuati come siti idonei di nuove centrali nucleari.

Il disastro ambientale che ha coinvolto il nostro fiume e le cui conseguenze nessuno è ancora in grado di valutare, ancora una volta dimostra quanto sia urgente e non più rinviabile un Patto di  collaborazione tra enti locali sull'esempio già sperimentato attraverso il grande progetto “Valle del Po” realizzato dalla Consulta delle 13 Province del Po.

E' necessario prevedere la partecipazione di Comuni e territori posti sulla sponda lombarda del fiume, proprio perché il principio etico al quale vogliamo ispirarci è quello della solidarietà, del Patto tra comunità in difesa del nostro fiume e dei nostri valori sociali e ambientali, consapevoli che uno sviluppo più rispettoso dell’ambiente e capace di creare molti più posti di lavoro rispetto al nucleare è già alla nostra portata, come sostiene da tempo il premio Nobel Carlo Rubbia e quelle centinaia di scienziati, ricercatori e docenti universitari che in Italia hanno sottoscritto l’appello “Energia per il futuro”, a sostegno delle fonti rinnovabili.

Proprio per questo la nostra associazione dallo scorso settembre si rapporta per queste tematiche con i territori di Cremona, Mantova e Lodi, con i quali ha avviato una stretta collaborazione che ha portato alla realizzazione di una Rete di soggetti – Enti locali e associazioni – aperta a tutti coloro che hanno a cuore il futuro ambientale dell'area padana. 

A Cremona, ad esempio, oltre al Coordinamento CreaFuturo  che raggruppa 13 associazioni (ACLI,  AmbienteScienze, Amici della terra, Arci, CGIL, Federconsumatori, Italia Nostra, Legambiente, Medici per l’Ambiente, Movimento Federalista Europeo, Pax Christi, Rete Lilliput, WWF), partecipano di diritto i Sindaci o loro delegati, interessati a questa forma di collaborazione su base volontaria, per avviare una attività preventiva sia di tipo istituzionale e giuridico, sia di tipo culturale e informativo, in difesa delle Comunità Locali, dei loro valori sociali e ambientali e del fiume Po.

Alle Associazioni locali e provinciali spetta il compito di elaborare studi, formulare proposte, reperire documentazioni, organizzare corsi e iniziative di confronto e di informazione sul terreno culturale e scientifico.

Ai Sindaci e ai rispettivi Consigli Comunali, spetta il potere decisionale di sostenere e finanziare iniziative che coinvolgano personalità e competenze scientifiche e giuridiche in difesa e valorizzazione del territorio, se e quando lo ritengano opportuno.

Siamo convinti che la nostra proposta di collaborazione fra Istituzioni e Associazioni rafforzerà la partecipazione e la democrazia nei nostri territori senza confusione di ruoli, garantirà massima apertura del “Comitato Territoriale” alla partecipazione dei cittadini di ogni orientamento politico e dunque, di ogni minoranza, sia essa presente o meno nei Consigli Comunali.

 
Attendiamo la tua libera e convinta adesione per poter quanto prima dar vita al comitato proposto.
 

Il presidente
Gianluigi Boiardi

 

 
Voci correlate:
  • appello
  • Gianluigi Boiardi
  • nucleare
  • Po
  • Commenti:


    vengo anche io nel Comitato di Stefano
    giusto Stefano. mi associo. Boiardi ha fatto da Presidente della Provincia un Convegno sul Po praticamente ogni settimana. e il Ponte è crollato.!! adesso ha fondato una associazione culturale dal nome "io scelgo Boiardi"......ma per piacere.....!!
    andrea
    28/03/2010  14.44

    veramente
    Il trasferimento a Borgo Faxhall è un'eredità di Squeri ...
    malpelo
    26/03/2010  12.19

    Lancio anch'io un nuovo Comitato
    Ho deciso di proporre un nuovo Comitato "Piacenza libera da Boiardi e risarcita per i suoi sprechi. Il primo 600.000 € annui per Borgo Faxhall: una follia.
    stefano
    26/03/2010  11.56


    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it