[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Nasce il patto per un Po libero dal nucleare

Sostegno dell'economia verde e contrarietà ad ogni ipotesi di imposizione di nuove centrali nucleari lungo l'asta del Po. Sono questi i punti principali del Patto per un Po libero dal nucleare sottoscritto a Casalmaggiore dai sindaci di Viadana Giovanni Pavesi, di Motta Baluffi Giovanni Vacchelli, di Colorno e di Casalmaggiore Claudio Silla. Un patto sottoscritto dall'associazione culturale CaBoiardi per il territorio piacentino e dall'associazione Creafuturo per il territorio cremonese. “Il fine – ha spiegato Boiardi anche in veste di consigliere provinciale nella conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa a Casalmaggiore – è di promuovere una più vasta collaborazione con le varie associazioni locali e provinciali impegnate sui temi ambientali, sociali ed economici in difesa del territorio, del lavoro e dello sviluppo sostenibile, dei diritti dei cittadini. Siamo preoccupati per le procedure scelte per imporre il ritorno del nucleare in Italia e per il grave rischio che corrono i territori posti lungo il Po”.

 
Il Sindaco di Motta Baluffi Vacchelli ha proposto la costituzione di un comitato territoriale strutturato e aperto all'adesione di altri Comuni per il sostegno allo sviluppo delle energie rinnovabili e di contrarietà al nucleare. “La nostra proposta – ha sottolineato il sindaco di Casalmaggiore Claudio Silla -  mira a creare attorno a questi stessi fini una Rete di relazioni più flessibile tra Istituzioni Locali, anche fuori dal territorio provinciale, su obiettivi che verranno individuati nell’evoluzione dei processi in corso. Certo è che le iniziative si prenderanno insieme”. 


La rete naturalmente si affianca ed è a supporto del comitato territoriale, ma non vincola nessuno a far parte di un Coordinamento permanente. Questo dovrebbe facilitare la possibilità di coinvolgere in alcuni momenti importanti anche Comuni di medie o grandi dimensioni. “Il rischio – spiega Boiardi – è infatti che i piccoli Comuni lungo il Po vengano lasciati a loro stessi, soprattutto di fronte alla possibilità che i loro territori siano individuati come siti “idonei” per l’insediamento di nuove centrali nucleari”. Per questo,  la prima proposta avanzata all’attenzione dei Comuni più popolosi, dei Comuni capoluogo di Provincia, è l’appoggio alla richiesta che sarà sollecitata all’ANCI nazionale e all’ANCI delle Regioni del Po di costituire urgentemente un Tavolo di consulenza giuridica e di assistenza legale per contrastare l’imposizione nucleare ai nostri territori. La stessa richiesta sarà formulata all’Unione delle Province italiane e alle stesse Regioni, alle quali si chiede con forza di riappropriarsi delle loro competenze legislative come chiaramente definite dall’articolo 117 della nostra Costituzione.

 
Voci correlate:
  • nucleare
  • po
  •    facebook  twitter  invia

     stampa

    Commenti:


    ECCOTI UN ALTRO PATTO!
    CHE NOIA....un altro patto!dicevo prima di PATTI PER TERRITORIO-PATTI PER PIACENZA- PATTI PER IL PO-PATTI DI SU E PATTI DI GIU'BASTA!!!!!!!!
    conte Zac
    24/03/2010  09.44


    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it