[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Rifondazione con Boiardi (Nuovo Ulivo) per il referendum antinucleare

COMUNICATO STAMPA: Rifondazione con Boiardi per il referendum antinucleare.

La federazione piacentina di Rifondazione Comunista aderisce alla petizione antinucleare presentata dall’associazione legata a G.Luigi Boiardi poiché è ormai giunto il momento di organizzare una concreta opposizione al rischio di ritrovare in funzione l’impianto di Caorso.
L’energia da fissione dell’atomo è una scelta antimoderna che contrasta non solo con la difesa dell’ambiente, ma anche con l’efficacia di dotarsi – e in fretta – di soluzioni alternative all’uso del petrolio che come si sa è un bene in via di esaurimento.
Se anche si realizzassero 5 o 6 centrali nucleari esse arriverebbero a coprire entro i prossimi 15 anni circa il 6/7% della produzione energetica nazionale e quindi non garantirebbero autonomia dalle fonti fossili.
A ciò si aggiunga che i costi devono considerare pure l’impatto in termini di opere di sicurezza (piani di emergenza, centri di stoccaggio delle scorie) che vengono lasciati a carico delle comunità locali e delle istituzioni pubbliche anziché delle aziende produttrici che privatizzano i ricavi, ma scaricano sul “pubblico” gli oneri.
Alla fine risulta che il nucleare non è poi così tanto a buon mercato.
Infine non bisogna dimenticare che, oltre al pericolo di ritrovarsi con l’ennesima “Chernobyl” in casa nostra, i residui radioattivi del processo produttivo restano altamente contaminanti per centinaia di migliaia di anni lasciando alle generazioni future cimiteri di scorie che sono vere e proprie bombe atomiche che le tecnologie in nostro possesso non sono ancora in grado di conservare in sicurezza.
Ha ragione pertanto Boiardi ad indicare nel nucleare una ferita alla democrazia, alla necessità di far partecipare i cittadini alle scelte che riguardano il loro futuro.
Non solo a Piacenza, ma pure nel resto del paese si sta attivando un movimento di protesta alle decisioni del governo che porterà all’indizione di un referendum popolare contro il nucleare, anche in questa occasione Rifondazione Comunista sarà a fianco di Boiardi per garantire la salvaguardia dell’ambiente e della salute dei cittadini nella nostra provincia e nell’intero paese.

Roberto Montanari
Segretario prov.le del P.R.C.

 
Voci correlate:
  • Caorso
  • Gianluigi Boiardi
  • nucleare
  • Partito della Rifondazione Comunista
  •    facebook  twitter  invia

     stampa

    Commenti:



    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it