[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Rifondazione: "Pronti alla disobbedienza civile contro il ritorno del nucleare"

Rifondazione: "Pronti alla disobbedienza civile contro il ritorno del nucleare a Caorso". Ecco il comunicato firmato dal segretario provinciale Roberto Montanari

La filosofia di vita del premier viene promossa a politica di stato col decreto che reintroduce il nucleare in Italia.

“Incitamento a prostituirsi”: così può essere definita la strategia del ministero per le politiche industriali che sprona i comuni ad ospitare centrali atomiche in cambio di cospicui incentivi economici e infatti verranno elargiti soldi e sconti fiscali a quei sindaci che saranno disposti a svendere la sicurezza e la salute dei loro concittadini, nonché il futuro dei loro territori.

Non importano le garanzie per le persone, contano i soldi e a riprova del disprezzo della dignità degli individui è il fatto che l’elenco dei siti atti agli insediamenti nucleari (in realtà già concordato) verrà pubblicizzato solo dopo le elezioni regionali giusto per fregare i voti a qualche sprovveduto in più.

Né a Caorso né altrove ha oggi senso riavviare un modello di produzione energetica che pure coi generatori di terza e quarta generazione dimostra inaffidabilità e costi sociali estremamente elevati.

Non è  vero che il nucleare consente di rendersi velocemente autonomi dal prossimo esaurimento del petrolio poiché in Italia, ad esempio, le 5 o 6 centrali ipotizzate arriverebbero a produrre il 7% circa di energia solo fra 15 anni.

La scelta di privatizzare l’ENEL produce come conseguenza la ricerca del massimo profitto a scapito di manutenzione e sicurezza per i cittadini esattamente come possiamo notare nel caso di un altro ente pubblico con gestione privatistica - le ferrovie italiane - i cui disservizi sono sotto gli occhi di tutti dal disastro di Viareggio ai cronici ritardi nei treni per pendolari.

Si parla di energia a bassi costi, ma non si calcola la spesa per i piani di evacuazione e la gestione delle scorie radioattive che sono tutte a carico della collettività.

Resta irrisolto ed irrisolvibile il problema del sito di stoccaggio dei rifiuti nucleari che rimangono un’eredità contaminante e pericolosissima per decine di migliaia di anni un periodo talmente lungo da rendere instabile qualunque contenitore.

Il ricorso all’energia nucleare è utile solamente a chi costruisce centrali e generatori, non alle comunità locali.

Le chiacchiere imbarazzate del sindaco di Caorso ed i silenzi dell’amministrazione provinciale mascherano il loro accordo con le politiche del governo e la loro disponibilità a prostituirsi.

Rifondazione Comunista fa appello alla più ampia mobilitazione delle coscienze perché il nostro territorio non venga nuovamente violato e preannuncia da subito che nel caso di inizio dei lavori a Caorso è pronta alle più radicali forme di disobbedienza civile e nonviolenta per fermare i cantieri.

 
Voci correlate:
  • Caorso
  • nucleare
  • Rifondazione Comunista
  • Commenti:


    niet e sesso degli angeli
    sanno solo dire no, ma proposte concrete nulla!
    gianni
    28/12/2009  23.39

    Precisazione
    Leggo che sarebbe una manifestazione non violenta, Montanari intende come quella al G8 di genova?
    Highlander
    28/12/2009  11.09

    /2
    avevano fatto una gran cagnara per niente? Restano sempre coerenti con il loro pensiero, la democrazia si ha con la violenza! Complimenti!
    Highlander
    28/12/2009  10.45

    Disobbedienza
    Disobbedienza è = violenza? quindi sarebbero pronti ad armarsi, andare in giro a spaccare le vetrine, sfasciare auto e dare fuoco ai cassonetti? Ma non erano loro che poche settimane fa con le loro bandiere rosse miste arcobaleno (a detta loro della pace)
    Highlander
    28/12/2009  10.43

    quattro gatti
    ma la disobbedienza civile la fanno tutti e tredici.....???
    giovanni
    28/12/2009  08.32


    Sono indietro come la coda del gogno.
    Antonio Gazzola
    27/12/2009  22.20

    caro omonimo
    ma ti rendi conto di cosa scrivi? critichi non il contenuto ma l'autore del messaggio a prescindere. Ma sai cosa vuol dire nucleare? sai che il governo ha deciso da solo di ribaltare l'esito di un referendum?
    davide T.
    27/12/2009  22.15

    anche a base di voti.....
    cito Bertinotti che ha radio anch'io prima di Natale ha detto che senza consenso non si cambia la società......
    roberto santini
    27/12/2009  21.08

    Tutto si misura in base ai voti?
    Un Partito se non è rappresentato (che poi in Emilia ha due consiglieri regionali e la presidenza dell'Assemblea Regionale) non può esprimere un'opinione?
    Roberto
    27/12/2009  18.02

    la democrazia fa male
    la democrazia fa male a un partito che non è neppure riuscito ad entrare in parlamento. anzichè la disobbedienza civile (tipica dei gruppi fascio-comunisti) dovrebbero cercare di prendere voti...
    Davide
    27/12/2009  14.30


    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it