[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Ants Army Project e Kobenhavn Store al Madly Pub di Castelnuovo

Bus1    29100.it

Venerdì 4 dicembre

Madly ub di Castelnovo Valtidone

KøBENHAVN STOREANTS ARMY PROJECT (“Restless Times” – Relase party)

KøBENHAVN STORE

C’è un filo conduttore che lega la capitale danese (Copenhagen) a Piacenza.

Un lungo filo composto da melodie algide, post rock da cameretta ed elettronica a bassa fedeltà. Il filo dei København Store, uno dei segreti meglio custoditi dell’indie tricolore.  Nati come duo all’inizio del 2003 dopo un viaggio nelle terre del nord (ecco spiegato il bizzarro nome), con il tempo si sono evoluti allargando la formazione a più elementi e coinvolgendo prestigiosi ospiti. Dopo due demo maggiormente improntati sull’elettronica, hanno riscoperto le chitarre virando verso un post rock sfumato e dalle inedite sfaccettature. Nella loro musica convivono molte anime. Come se i Mùm fossero stati chiusi in un stanzetta con i cLOUDDEAD ed i Goodspeed You!Black Emperor.

La loro dimensione ideale è quella dal vivo, i loro show improntati sull’energia e la rarefazione dei suoni e delle atmosfere, li hanno fatti diventare un piccolo culto. Dopo numerosi tour e concerti in compagnia di nomi del calibro di Mono (la “gloria” del post rock giapponese), Giardini di Mirò, Apse, Solvent, Populus, Offlaga Disco Pax, Disco Drive, pubblicano l’atteso album d’esordio nel febbraio 2008 per la neonata 42 Records.

L’album, prodotto da Giacomo Fiorenza (Moltheni, Yuppie Flu, Giardini di Mirò, Marco Parente, Offlaga Disco Pax) si avvale della prestigiosa collaborazione di nomi importanti della scena indie italiana. Sfilano infatti, una dopo l’altra, le voci di Alessandro Raina (Giardini di Mirò, Noorda, Amor Fou), Jonathan Clancy (Settlefish, A Classic Education), Fabio Campetti (EdWood) e Simone Magnaschi (Stinking Polecats).

La scelta di non avere un vero e proprio cantante sottolinea l’aspetto eclettico e cangiante della scrittura del gruppo, la natura estremamente varia delle composizioni e la voglia della band di non cristallizzarsi in nessun genere e canone .

ANTS ARMY PROJECT

Ants Army Project è un progetto musicale che nasce dalla passione di un gruppo di ragazzi piacentini. Risorti dalle ceneri dei Groupies, gruppo pop-punk ormai sciolto, il Beda e Pade (rispettivamente Batteria e Chitarra/Voce) condividono la loro passione e la loro esperienza per la musica con Miki, eletto all unanimita nuova voce della band. Da subito iniziano le composizioni di svariati pezzi, nonostante mancasse il bassista. In numerosi sono stati contattati per entrare a far parte del gruppo suonando la chitarra a 4 corde ma, per un motivo o per l’altro, nessuno ha trovato fissa dimora. Dopo mesi di prove nella "Cantina", Silvio (già bassista di diversi altri gruppi) entra negli AAP come basso. Nel 2008 esce il primo DemoEP, composto da 5 pezzi propri, intitolato "Dice & Bones EP". Dopo 1 anno di concerti, nella primavera del 2009 rientrano in studio, per registrare un nuovo disco “Restless Times”.

“Restless Times” ovvero sette pezzi “essenziali” che rendono questo esordio assolutamente imperdibile. La presentazione venerdì 4 al Madly di Castelnovo Valtidone

 

 
Voci correlate:
  • Madly Pub di Castelnuovo
  • Commenti:



    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it