[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Contratto, Fiom: "Una minoranza decide per tutti"

“Una minoranza decide per la maggioranza, anzi, per tutti. E’ un problema di democrazia”.
Così Ivo Bussacchini, segretario Fiom Cgil di Piacenza, commenta la firma sull’accordo separato che Fim, Uilm e Ugl hanno raggiunto con Federmeccanica. Bussacchini avanza dei “dubbi giuridici” sulla validità dell’accordo in quanto Fim e Uilm hanno disdettato un accordo che scadrebbe nella parte normativa nel 2011. Le prossime mosse della Fiom emergeranno dal Comitato centrale in programma il 20 ottobre a Roma al quale parteciperà anche il segretario piacentino.
“L’aumento di 17 euro circa netti al quinto livello da gennaio, non corrisponde alle esigenze dei lavoratori – spiega Bussacchini – in una situazione di crisi la firma di un contratto separato è un fatto grave e inaccettabile, l’accordo appare più politico che altro. E’ assurdo che in un Paese che sta affrontando una crisi difficilissima – rincara il segretario piacentino della Fiom – si parli di coesione e si firmi un contratto separato senza l’organizzazione più rappresentativa nelle fabbriche. Nel merito dell’accordo, peggiorano le condizioni normative e, per quanto concerne la contrattazione aziendale, per ora questa viene rimandata a Commissioni che decideranno su cosa si potrà contrattare in azienda, con un sicuro restringimento degli spazi per le Rsu. Inoltre, c’è uno scambio economico accettato da Fim e Uilm che passerà dagli Enti bilaterali”. “Per adesso – conclude Bussacchini - gli unici palesemente soddisfatti sono Sacconi, Confindustria e gli attori dell’accordo separato del 22 Gennaio per ragioni che nulla hanno a che fare con il lavoro e la crisi, ma che nutrono un “odio sviscerato” nei confronti della Cgil e di ciò che rappresenta. Il buon senso dovrebbe far dire a costoro che si riconsegni la parola ai lavoratori che sono gli unici titolari del diritto contrattuale”.

 

 
Voci correlate:
  • contratto
  • Fiom
  •    facebook  twitter  invia

     stampa

    Commenti:


    CISL e UIL
    CISL e UIL non sono più dei sindacati, il sindacalismo l'hanno tradito da molto tempo. Sono degli organismi di venduti al padrone. Andrebbero presi a calci in culo.
    IENA
    19/10/2009  12.36

    che vergogna
    mi devono spiegare come hanno fatto ad accettare un simile contratto,probabilmente si sono accordati in altro modo,s'intascheranno qualche"favore" in denaro le due associazioni sindacali che hanno accettato.17 euro al 1 genn 2010 sono una presa per il cu.
    alberto
    16/10/2009  20.14


    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it