[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Reggi all'assemblea Anci: "Inaccettabile Protezione Civile a due velocita'"

“Incomprensibile per un Sindaco essere responsabile, ma escluso da qualsiasi tavolo sulla protezione civile. E’ necessario dare attuazione al protocollo d’intesa Anci sottoscritto da Bertolaso per nuove linee guida nazionali”: questo, in sintesi, l’intervento del sindaco di Piacenza Roberto Reggi, responsabile della Consulta Nazionale Protezione Civile dell’Anci, nell’ambito dell’Assemblea dei Comuni italiani in corso a Torino. Segue il testo completo:

“E’ passato poco più di un anno dalla firma del Protocollo d’Intesa sottoscritto dal Presidente dell’Anci e dal Sottosegretario Bertolaso. E’ necessario riprendere quel lavoro finalizzato a nuove linee guida condivise sulla protezione civile. Un documento fitto quello dell’ANCI, di oltre 20 pagine, che mette puntualmente in rilievo come ci troviamo di fronte ad una protezione civile che si muove a due velocità. Una, quella nazionale, l’altra quella delle regioni. E i Sindaci? Da tempo chiediamo che sulla Protezione Civile non possono essere esclusi i Sindaci. Ma i dati, purtroppo, dicono il contrario. Negli ultimi dieci anni sono stati ripartiti alle Regioni oltre un Miliardo di euro sulla protezione civile. Il Riparto di queste risorse avviene in Conferenza Stato regioni e nonostante il Presidente dell’ANCI abbia più volte sottolineato questa contraddizione, i Sindaci non hanno mai partecipato. Abbiamo denunciato che le risorse trasferite ai Comuni sulla protezione civile sono irrisorie e in molti casi pari allo zero. Ma non è solo un problema di risorse. Bertolaso ricorda che i Sindaci sono i responsabili della protezione civile sul territorio. I Sindaci si chiedono però come mai non hanno titolo ad esprimere priorità, esigenze, partecipare ai criteri di riparto delle risorse sulla protezione civile? Sono i responsabili sul territorio della protezione civile e non possono neanche partecipare ai tavoli di discussione sulle attività della stessa Protezione Civile? Da tempo abbiamo denunciato questa situazione e proposto delle linee guida condivise tra Dipartimento Nazionale, regioni e Comuni. Un documento che sottolinea l’esigenza di investire sulla prevenzione dei rischi. Sono tre le parole d’ordine per i Sindaci: prevenzione, prevenzione e ancora prevenzione. Questo significa rivedere il rapporto tra il Dipartimento Nazionale e le regioni, rivedere i criteri di riparto delle risorse. Investire ogni anno una parte dei fondi sulla prevenzione. In caso contrario, per favore, non dite che il Sindaco è il responsabile della protezione civile sul territorio. Perché è giusto che i cittadini sappiano che può essere un coordinatore dei soccorsi ma non un responsabile della protezione civile. Sulla protezione civile delle regioni sarà necessario, prima o poi, affrontare il tema senza rimanere ostaggi delle polemiche da un lato sulle competenze previste dal Titolo V della costituzione e dall’altro dai numerosi rilievi della Corte Costituzionale sugli atti di alcune regioni. Lo dico perché non è possibile avere i cittadini trentini ed emiliani che possono godere di un livello di sicurezza superiore a quelli pugliesi e siciliani. Lo abbiamo visto con gli incendi boschivi, viene adesso confermato anche sul dissesto idrogeologico. Pensiamo che il Sistema di protezione civile che indica i Sindaci quali responsabili della sul territorio sia giusto, ma sia ancora da realizzare. Forse è arrivato il momento di realizzarlo davvero perché a pagare, in ogni caso, sono i nostri concittadini”.  

Commozione e applausi, all’assemblea nazionale dell’Anci in corso a Torino, per la proiezione del video dedicato all’operato dei volontari piacentini in Abruzzo, già visto a Palazzo Gotico il 28 agosto scorso, in occasione della premiazione dei nostri concittadini impegnati nei luoghi colpiti dal sisma. Il filmato, come ha riferito il sindaco Roberto Reggi, responsabile della Consulta Nazionale Protezione Civile dell’Anci, è stato mostrato oggi, all’assise plenaria dell’associazione dei Comuni italiani, prima della consegna di un riconoscimento a Guido Bertolaso, per l’opera svolta in occasione del terremoto verificatosi nell’aprile scorso. Il capo dipartimento della Protezione Civile non ha trattenuto l’emozione, di fronte alle immagini delle macerie e dei campi allestiti per il ricovero delle persone sfollate, alternate a quelle che riprendono il lavoro delle tante associazioni presenti sul territorio per portare aiuto.
La giornata odierna si era aperta, prima della relazione del presidente dell’Anci Sergio Chiamparino, con la consegna di un assegno di 350 mila euro al sindaco de L’Aquila Massimo Cialente, “simbolo dell’impegno di tutti i Comuni italiani per il capoluogo e per tutti i Comuni colpiti dal terremoto”. Inoltre, Chiamparino ha annunciato che la prossima assemblea nazionale Anci si terrà a L’Aquila.
 

 

 
Voci correlate:
  • Anci
  • Roberto Reggi
  • Commenti:



    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it