[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Polo Protezione Civile, c'é amianto nel magazzino. Oggi replica Boiardi

Problemi grossi per il Polo logistico del Nord Italia di Piacenza. In un sopralluogo al sito effettuato ieri dalla Giunta provinciale (pressoché al completo) per constatare le condizioni dell'impianto, anche in considerazione delle somme considerevoli (derivanti del “tesoretto”) che la Provincia sborsa per l'affitto (1 milione e 450 mila euro per cinque anni) all'Ente proprietario (il Consorzio agrario), si è fatta una constatazione preoccupante: uno dei due magazzini è inutilizzabile perché il tetto è in amianto e il binario che dovrebbe collegare la struttura alla rete ferroviaria, collegamento da realizzare, come prevede il contratto d'affitto, entro il 31 dicembre del 2008,  non è ancora fruibile. 

La notizia è stata data alla stampa ieri dal Presidente della Provincia Massimo Trespidi, affiancato nella circostanza dal vicepresidente dell'Ente, Maurizio Parma. Per questo pomeriggio è prevista la replica dell'ex presidente Gianluigi Boiardi e dell'ex assessore alla Protezione civile Gianlugi Ziliani.

“Faremo ogni verifica sugli aspetti legali, economici e tecnici della vicenda – fa presente Massimo Trespidi – e in seguito a tali accertamenti adotteremo i provvedimenti più opportuni per garantire, tengo a sottolinearlo, l'interesse di quest'Ente, della Protezione civile e dei cittadini piacentini. Anche in considerazione dell'esborso che l'Amministrazione deve sostenere”.

“Tengo anche a precisare – rileva ancora il Presidente della Provincia – che consideriamo un onore per la nostra comunità poter ospitare nella nostra città il Polo di Protezione civile per il Nord Italia, e faremo il possibile per mantenere qui la struttura. Ma non a queste condizioni. La condizione irrinunciabile è che sia salvaguardato, ripeto, l'interesse della Provincia, della stessa Protezione civile e dei cittadini”.

L'area che la Provincia ha affittato dal Consorzio per farne la sede del Polo di Protezione civile si estende per 13.879 metri quadrati, 7.700 dei quali di area scoperta, un capannone di 3.872 metri quadrati (dove al momento è depositato materiale), un capannone di 1.624 metri quadrati (quello con il tetto in amianto) e una palazzina a due piani, di 733 metri quadrati, di cui oggi è utilizzabile solo il primo piano. Per la Protezione civile la Provincia ha a disposizione un altro immobile, a Le Mose, per il ricovero di mezzi e per il quale l'Ente paga un affitto di 30 mila euro all'anno, più IVA.

"I problemi riscontrati nel polo logistico del Nord Italia di Piacenza non mettono in dubbio l'importanza della struttura per la nostra comunità. Prendiamo atto dei problemi ereditati. Lavoreremo nell'ottica del consolidamento e dello sviluppo del polo, con funzioni di servizio al territorio e per il territorio. L'obiettivo è ottimizzare le risorse dell'ente e ridurre gli sprechi. Ovviamente, però, il potenziamento dovrà avvenire nel rispetto delle norme di sicurezza e della salubrità dei locali, al fine di una migliore gestione delle delicate mansioni legate alla funzione della protezione civile". Lo precisa l'assessore con delega specifica della Provincia, Davide Allegri, a margine della conferenza stampa indetta dal presidente Massimo Trespidi, a cui non ha potuto partecipare perché impegnato in un tavolo tecnico sulla diga del Molato.
 

 

 
Voci correlate:
  • Massimo Trespidi
  • Polo logistico
  • Protezione civile
  • Provincia
  •    facebook  twitter  invia

     stampa

    Commenti:


    bonificare
    si provveda a bonificare il magazzino e a mettere in funzione il binario. ....o vogliamo perdere anche questa occasione...
    alessandro
    17/09/2009  09.18

    alt, fermi tutti (parte 2)...
    Un esempio purtroppo attuale di questo disinteresse da parte degli amministratori pubblici è quanto accaduto all' Aquila (bella la puntata di Presa Diretta). Loro dovevano saperlo già che lì c'era l'amianto (purtroppo ne abbiamo a buttar via...
    lavinia71
    17/09/2009  08.42

    alt, fermi tutti...(parte 1)
    colpa o non colpa....è inammissibile che vengano commissionati studi e valutazioni del rischio pagate da tutti noi che vengono sistematicamente ignorate dai nostri "amministratori", passati, presenti e futuri...
    lavinia71
    17/09/2009  08.37

    E nessuno si accorse di nulla
    da Libertà del 19 ottobre 2007 Accompagnato dal P dalla Provincia Gianluigi Boiardi, dall'ass. provle Gianluigi Ziliani, dall'ass regle Mario Luigi Bruschini, dal vicesindaco di Piacenza Francesco Cacciatore.... Il presidente Boiardi è raggiante..
    AEMME
    16/09/2009  18.00

    Forse...
    forse però dovevano saperlo anche le precedenti amministrazioni che non se ne sono mai preoccupate! Meno male che Trespidi lo ha scoperto, adesso la colpa è loro? I vari Squeri e Boiardi come mai non se ne sono mai accorti?
    Highlander
    16/09/2009  16.56

    eh (parte2)
    soldi buttati due volte quindi? Bravi!
    lavinia71
    16/09/2009  16.26

    eh? (parte 1)
    Il censimento degli edifici con coperture o comunque contenenti amianto (intonaci, tubature e compagnia cantante...) è stato fatto almeno 10 anni fà e oggi si "SONO ACCORTI" che l'edificio non è agibile...
    lavinia71
    16/09/2009  16.25


    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it