[Home Page]
Ultimo aggiornamento:   12/10/2015  l  15.31  
                               
Servizi
Meteo
Aria
Viabilità
Farmacie
Trasporti
Libri
Video TV
Cinema
Rubriche
ReadySteady
Koinè
Speciali
Volontariato
CercoOffro Lavoro
Promessi Chef
Tendenze
Motori
Jazz Fest
Piazza 25 aprile
Festival Blues
Fuori Porta
Maturità
Tribuna politica
Opinioni



Foti (Pdl): "Nessun taglio ai fondi per la valle del Po". Boiardi: "Trespidi verifichi con urgenza"

FOTI (PdL): NESSUN TAGLIO AI FONDI PER LA VALLE DEL PO

Ignoro quali siano le fonti parlamentari cui attinge il consigliere Boiardi per affermare che il Governo avrebbe dirottato i 180 milioni di euro destinati al progetto Valle del Fiume Po a spese per interventi nel Mezzogiorno. Poiché le uniche vere fonti che riconoscono sono quelle ufficiali, ho consultato l'esito della seduta del Cipe del 31 Luglio 2009 (http://www.cipecomitato.it/storico_sedute/157/esito.pdf ) da cui nulla risulta di quanto sostenuto da Boiardi .
Ciò detto è ben ricordare, invece, che la messa a disposizione delle risorse per le finalità del progetto Valle del Fiume Po, ai fini dei conseguenti impegni e per l’avvio della relativa spesa, era subordinata ai seguenti adempimenti, da realizzarsi entro il  termine del 31 luglio 2008: conclusione positiva delle procedure di Valutazione Ambientale Strategica (VAS);
presentazione del Piano di valutazione di cui al punto 6 della  delibera n. 166/2007.
Se detti adempimenti sono stati assolti, nessun pericolo corre il finanziamento in questione.

Boiardi (Nuovo Ulivo): "Fondi Fas, occorre che Trespidi si cccupi della loro destinazione"

Sulla vicenda dei fondi Fas destinati al progetto Valle del Fiume Po, il presidente Massimo Trespidi e il suo vice Maurizio Parma stanno dando prova di incompetenza o di malafede. L’accusa rivoltami di aver mentito rimbalza, con tanto di prova, proprio contro Trespidi e Parma. La delibera del Cipe del 27 dicembre 2007 “ATTUAZIONE DEL QUADRO STRATEGICO NAZIONALE (QSN) 2007-2013  PROGRAMMAZIONE DEL FONDO PER LE AREE SOTTOUTILIZZATE” recita alla pagina 18 testualmente: “Ai progetti strategici speciali individuati sono assegnate le seguenti risorse:
• 450 milioni di euro per la realizzazione nel  Centro-Nord del “Programma straordinario nazionale per il recupero economico-produttivo di siti industriali inquinati”;
•  180 milioni di euro al “Progetto Valle del Fiume Po”.

Il testo integrale è a disposizione su Internet nel sito del Cipe. In ogni caso, copia della delibera, nonché delle affermazioni del 6 giugno di Maurizio Parma sono state inviate a tutti i consiglieri provinciali e al presidente del consiglio provinciale Pasquali.
Il giorno 6 giugno – e sorvolo sulla violazione del silenzio elettorale – Parma in una dichiarazione ai quotidiani dichiarava testualmente: “Quei 180 milioni di euro non li ha portati a Piacenza, non li ha destinati lui, non è stato lui a ottenerli, ma sono soldi destinati dal Cipe, il Comitato interministeriale per la programmazione economica (organismo nazionale e non provinciale), per il Po”.
Per quanto mi riguarda, fino al 6 giugno, così come per il vicepresidente Parma quei fondi c’erano e sono stati destinati dal Cipe al progetto. Ritengo del resto impossibile e privo di ogni rispetto istituzionale, che il Governo e il ministro Tremonti abbiano potuto cambiare destinazione a quei fondi senza darne opportuna comunicazione al presidente della Consulta delle Province, ai parlamentari della nostra e delle 13 Province coinvolte nel progetto e all’Autorità di Bacino.
Dimostrata l’insussitenza delle dichiarazioni rilasciate ieri dal presidente Trespidi, lo stesso presidente  - come già aveva promesso il 30 luglio scorso – deve occuparsi con urgenza alla destinazione dei fondi del progetto, coinvolgendo, come sempre è accaduto in questi anni di guida della Consulta, le tredici province del Po. La riunione della Consulta era in programma a luglio, ma evidentemente il presidente ha avuto altro da fare. Ora dimostrato che i fondi ci sono, sarà bene che la convochi il prima possibile per evitare che la nostra e le altre province del Po subiscano un grave danno.
Gianluigi Boiardi
(Insieme per un nuovo Ulivo)
 

 

 
Voci correlate:
  • Gianluigi Boiardi
  • Tommaso Foti
  • Commenti:



    INSERISCI COMMENTO:

    *nome:
    *e-mail:

    titolo:

    descrizione (max.255 caratteri):

      Accetto le clausole realtive al trattamento dei dati personali.





    PiacenzaSera è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Piacenza (N° 644 con decreto di iscrizione del 27/07/2007)
    Edita da Codex10 - Società Cooperativa - P.IVA 01443570336 - Soluzioni internet realizzate da GeDInfo - Società Cooperativa.
    Per informazioni su come inserire la tua pubblicità su www.piacenzasera.it invia un'email a commerciale@piacenzasera.it